Shotcut v17.03.02 Windows Portable e Setup

Software Catalogo | Codec | Riproduzione | Montaggio Software Libero




Aggiornato In Data 03/03/2017 Dal Peso Di 71,7 Megabytes
...Shotcut Setup 32 bit Ufficiale
Questo Contenuto È Stato Scaricato 1 Volte
...Shotcut Setup 64 bit Ufficiale
Questo Contenuto È Stato Scaricato 1 Volte
...Shotcut Portable 32 bit NAMP
Questo Contenuto È Stato Scaricato 1 Volte
...Shotcut Portable 64 bit NAMP
Questo Contenuto È Stato Scaricato 1 Volte
Freeware / Software Libero
Editing Video, Montaggio Video/Audio – Portatili / Pen Drive

È un programma di video editing “solido” ma senza troppi fronzoli, che fa quello che deve fare in modo chiaro e rapido, senza costringerti a interminabili sessioni di montaggio. Con pochi clic del mouse puoi utilizzare tutti gli strumenti “indispensabili” per un video editing di base: titolatrice, editor di base, transizioni, effetti e ovviamente la possibilità di aggiungere delle tracce musicali per dare quel tocco magico alle immagini. Una cosa che lascia piacevolmente stupiti, poi, è l’ampia gamma di formati audio/video supportati sia in fase di importazione sia di esportazione: questo ti consentirà di riprodurre i tuoi filmati su qualsiasi dispositivo, compresi ovviamente smartphone e tablet. Tutto merito dell’impiego di FFmpeg, la suite software per registrare, convertire e riprodurre audio e video che è già integrata in Shotcut.

Caratteristiche:

-» Supporta una gran quantità di formati audio e video e codec grazie a FFmpeg
-» Supporta molti formati di immagine quali BMP, GIF, JPEG, PNG, SVG, TGA, TIFF e sequenze di immagini
-» Non richiede nessuna importazione – editing nativo
-» Cerca per molti formati di precisione al frame
-» Multi-formato timeline: mix and match risoluzioni e frame rate all’interno di un progetto
-» Bloccaggio di schermo (solo Linux) tra cui cattura sfondo per acquisire una sessione Shotcut
-» Acquisisce da webcam (solo Linux e Windows)
-» Acquisizione audio (Linux e Windows solo: PulseAudio, JACK, ALSA o DirectShow)
-» Riproduzione del flusso di rete (HTTP, HLS, RTMP, RTSP, MMS, UDP)
-» Frei0r generatore video plugin (ad es. barre di colore e al plasma)
-» Blackmagic Design SDI e HDMI per l’input e monitoraggio di anteprima
-» Sincronizzazione di trasporto JACK
-» Deinterlacciamento
-» Pannello Proprietà dettagliate dei media
-» Pannello file recenti con ricerca
-» Drag and drop dei file da file manager
-» Salva e carica clip tagliata come file MLT XML
-» Carica e riproduce file MLT XML complesso come una clip
-» Ambiti di audio: misuratore di picco, forma d’onda, analizzatore di spettro
-» Controllo del volume
-» Codificare/transcode a una varietà di formati e codec grazie a FFmpeg (o libav come costruito)
-» Acquisizione (record) SDI, HDMI, webcam (V4L2), JACK audio, PulseAudio, flusso di IP, X11 schermo e dispositivi DirectShow di Windows
-» Flusso (codifica a IP) file e qualsiasi fonte di acquisizione
-» Codifica con controllo di processo in batch
-» Crea, riproduce, modifica, salva, carica, codifica e streaming progetti MLT XML (con salvataggio automatico)
-» Connettersi ai server di fuso tramite protocollo TCP MVCP
-» Controlla la riproduzione di trasporto di unità di fuso
-» Modifica le playlist di fuso tra cui suport per Annulla/Ripristina
-» Elabora con 16-bit in virgola mobile lineare per componente di colore delle immagini basata con GPU OpenGL
-» Elabora immagini parallelo multi-core (quando non si sta usando GPU e telaio-dropping è disattivata)
-» Filtri video: Blur, Color Grading, Crop, diffusione, bagliore, Inverti colori, specchio, vecchio
– Film: Polvere, vecchio
– Film: grano, vecchio
– Film: proiettore, vecchio
– Film: graffi, vecchio
– Film: Technocolor, opacità, rotazione, saturazione, tonalità seppia, affilare, dimensioni e posizione, stabilizzare, testo, Vignette, onda, bilanciamento del bianco
-» Filtri audio: Equilibrio, Bass & Treble, passa banda, compressore, copia canale, Delay, Downmix, Expander, guadagno, passa alto, limitatore, Low Pass, Normlize, tacca, Pan, riverbero, Scambia canali
-» Ruote per la correzione del colore e classificazione colore 3-way (ombre, mids, highlights)
-» Strumento contagocce per selezionare un colore neutro per il bilanciamento del bianco
-» HTML5 (sans audio e video) come sorgente video e filtri
-» Leap Motion per controllo jog/shuttle
-» Uscita di keyer DeckLink SDI
-» Temi/layout dell’interfaccia utente: look nativo-OS e personalizzato chiaro e scuro
-» Controllo zoom video nel lettore: misura area visualizzabile (impostazione predefinita), 50%, originale (100%) e il 200%
-» Timeline multitraccia con miniature e forme d’onda
-» Miniatura e forma d’onda nella cache tra le sessioni
-» Mixaggio attraverso tutte le tracce audio
-» Compositing video attraverso tracce video
-» Taglio
-» Aggiunge, inserisce, sovrascrive ed Elimina (ripple) di editing sulla timeline
-» Editing a 3 punti
-» Nasconde, disattiva e blocca i controlli
-» Monitoraggio esterno su un monitor di sistema aggiuntive
-» Fade in e out audio e video da e verso il nero con controlli easy-to-use fader con la dissolvenza
-» Video e audio dissolvenza incrociati: dissolve facilmente transizioni sovrapponendo sulla stessa traccia della sequenza temporale
-» Pulisce transizioni video: bar, portello di granaio, casella, orologio (radiale), diagonale, iris, matrice e immagine sfumatura personalizzata
-» Misurazione di qualità video (PSNR e SSIM)
-» Supporto per risoluzioni 4K
-» Traduzioni dell’interfaccia utente: Catalano, cinese, ceco, danese, inglese, francese, tedesco, greco, italiano, polacco, portoghese, spagnolo (non tutti 100%, ma si può aiutare)

(Informazioni Caratteristiche Prelevate E Tradotte Dal Sito Web Ufficiale)

Cos'è Il Software Libero?

Il "Software Libero" è una questione di libertà, non di prezzo. Per capire il concetto, bisognerebbe pensare alla "libertà di parola" e non alla "birra gratis". Il termine "free" in inglese significa sia gratuito che libero. L'espressione "Software Libero" si riferisce alla libertà dell'utente di eseguire, copiare, distribuire, studiare, cambiare e migliorare il software. Più precisamente, esso si riferisce a quattro tipi di libertà per gli utenti del software:

-» Libertà di eseguire il programma, per qualsiasi scopo (libertà 0).
-» Libertà di studiare come funziona il programma e adattarlo alle proprie necessità (libertà 1). L'accesso al codice sorgente ne è un prerequisito.
-» Libertà di ridistribuire copie in modo da aiutare il prossimo (libertà 2).
-» Libertà di migliorare il programma e distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio (libertà 3). L'accesso al codice sorgente ne è un prerequisito.

Quando si sente parlare di "software libero" (free software), la prima cosa che viene in mente è "gratis". Per quanto questo sia vero nella maggior parte dei casi, il termine "free software" utilizzato dalla Free Software Foundation (creatori del progetto GNU e della licenza pubblica generale GNU [GNU General Public Licence, GNU GPL]) è da intendere nel senso di "libero" in quanto "in libertà" ("free as in freedom"= libero come in libertà), piuttosto che nel senso "senza costi" (che in genere si riferisca a "free as a free beer"= gratis come una birra gratuita). Il free software in questo senso è quel software che puoi usare, copiare, modificare, ridistribuire senza limiti. Questo contrasta con la licenza di molti software commericiali, dove ti è permesso installare il software su un solo computer, non ti è permesso di copiarlo, e mai vedrai il codice sorgente (source code). Il free software permette incredibili libertà all'utente finale (end user); inoltre, dato che il codice sorgente è disponibile a tutti, c'è molta più possibilità di trovare e correggere eventuali bug.

Quando un programma è rilasciato sotto la licenza GNU General Public Licence (the GPL):

-» si ha il diritto di utilizzare il programma per qualsiasi scopo;
-» si ha il diritto di modificare il programma e avere accesso ai sorgenti;
-» si ha il diritto di copiare e modificare il programma;
-» si ha il diritto di migliorare il programma, e rilasciare la propria versione.

In cambio di questi diritti, si ha qualche responsabilità rilasciando un programma su GPL, responsabilità studiate per proteggere la tua libertà e quella degli altri:

-» Devi distribuire la licenza GPL insieme al programma, in modo che l'utilizzatore sia a conoscenza dei suoi diritti garantiti dalla licenza.
-» Devi distribuire anche il codice sorgente, o fare in modo che sia liberamente accessibile.
-» Se modifichi il codice e rilasci la tua versione del programma, devi rilasciarla sotto GPL e fare in modo che il codice modificato sia liberamente accessibile (non è possibile utilizzare codice GPL in programmi proprietari).
-» Non puoi restringere la licenza del programma entro i termini della GPL (non puoi trasformare un programma GPL in uno proprietario, in altre parole non puoi limitare i diritti garantiti dalla licenza).

Che Cos'è La Cartella AppData?

La cartella AppData contiene le impostazioni, i file e i dati specifici per le app nel PC. La cartella è nascosta per impostazione predefinita in Esplora file e include tre sottocartelle nascoste: Local, LocalLow e Roaming.

Roaming. Questa cartella ( %appdata% ) contiene dati che possono essere spostati con il tuo profilo utente da un PC a un altro, come in un ambiente con domini, perché questi dati supportano la sincronizzazione con un server. Se accedi a un PC diverso in un dominio, ad esempio, i Preferiti o i segnalibri del Web browser saranno disponibili.

Local. Questa cartella ( %localappdata% ) contiene dati che non possono essere spostati con il tuo profilo utente. Questi dati sono di solito specifici di un PC o troppo grandi per eseguirne la sincronizzazione con un server. I Web browser, ad esempio, archiviano in genere i file temporanei in questa cartella.

LocalLow. Questa cartella ( %appdata%/…/locallow ) contiene dati che non possono essere spostati, ma offre anche un livello di accesso inferiore. Se esegui un Web browser in modalità protetta o provvisoria, ad esempio, l'app sarà in grado di accedere ai dati solo dalla cartella LocalLow.

Sono le app stesse a scegliere se salvare nelle cartelle Local, LocalLow o Roaming. La maggior parte delle app desktop usa la cartella Roaming per impostazione predefinita, mentre la maggior parte delle app di Windows Store usa la cartella Local per impostazione predefinita.

Avviso

Sconsigliamo di spostare, eliminare o modificare file o cartelle all'interno della cartella AppData. Questo tipo di interventi potrebbe compromettere le prestazioni di esecuzione delle app oppure impedirne del tutto l'esecuzione.

(Che cos'è la cartella AppData? Informazioni Prelevate Dal Sito Ufficiale Microsoft)

Applicazioni Setup E Soprattutto Portable.

C:\Users\Nome Utente PC\AppData\Roaming

Dove leggi "Nome Utente PC" inserisci il nome utente che utilizzi sul tuo computer. ALBERCLAUS è nome utente utilizzato nel mio PC.

Se il nome utente sul tuo computer è NiCo, ad esempio, allora il tuo percorso è il seguente: C:\Users\NiCo\AppData\Roaming

Per aprire la cartella "AppData":

1) Clicca sopra il pulsante Start in basso a sinistra nella barra di Windows.

2) Digita (o copia inserendo il tuo nome utente) in "Cerca programmi e file": C:\Users\Nome Utente PC\AppData\Roaming oppure copia ed incolla questo: %appdata%

3) Clicca sopra il tasto "Invio" dalla tastiera.

4) Clicca con il puntatore del mouse sopra la cartella Roaming che ti apparirà in alto nell’elenco dei risultati.

5) Aperta la cartella Roaming esegui il Copia "salvando" la cartella del programma Portable che utilizzi (oppure del programma setup).

Lascia Un Commento

avatar
  Iscrizione  
Notificami