ItalianoEnglishРусскийDeutschEspañol日本語中文(简体)
Statistiche Visite NAMP
  • 2634425Totale Pagine Visitate:
  • 1241056Totale Visitatori Unici:
  • 8087Totale Visite Questo Mese:
  • 562Pagine Visitate Ieri:
  • 244Visitatori Ieri:
  • 179Pagine Visitate Oggi:
  • 107Visitatori Oggi:
  • 7Utenti Attualmente In Linea:
  • 02/02/2009Contatore Partito il:

N° Abitanti Sulla Terra
Terra - 2017
7.485.344.984

Italia - 2017
62.674.857

Video Consigliati

24/02/2017
28,0 Megabytes Ufficiale
Freeware
Sicurezza, Anti-Spyware

È un software che non incide particolarmente sulle risorse di sistema, quindi non rallenta il computer come molti altri prodotti di questo tipo.

Scansione rapida, completa e personalizzata del disco rigido, unità rimovibili, memoria, del Registro di sistema, cartelle, queste sono le caratteristiche di questo prodotto.

Supporta la protezione in real time (in tempo reale solo per la versione Professional). Rileva ed elimina minacce nel computer quali: spyware, adware, malware, trojan, dialer, worm, keylogger, hijackers, rootkit e molti altri tipi di minacce. Compatibile con molti antispyware o antivirus installati sul proprio PC.

SUPERAntiSpyware esamina oltre 50 punti critici del sistema ogni volta che il sistema si avvia e si spegne per eliminare le minacce prima che abbiano la possibilità di infettare e infiltrarsi nel sistema.

Due Firewall: Doppio lavoro inutile

Con il termine firewall, ovvero muro di fuoco, viene indicato un speciale programma, oppre un hardware, creati per proteggere il computer dagli attacchi esterni che possono essere portati tramite internet o altri tipi di connessioni di rete. I firewall software sono delle applicazioni disponibili sia come prodotti indipendenti, acquistabili singolarmente, sia come parti di specifiche suite di sicurezza. L’installazione di un firewall sul PC usato per l’accesso a internet o alle risorse condivise di un’azienda o di un ente, è necessario per tutelareefficacemente la navigazione e il trasferimento dei dati. Il loro utilizzo, infatti, permette di tenere sotto controllo tutte le comunicazioni che vengonoinstaurate tra il tuo computer, la rete locale e internet, evitando così la diffusione indesiderata dei tuoi dati personali e consentendo di tutelare efficacemente la tua privacy. I firewall di ultima generazione, infine, permettono di svolgere tutti i possibili controlli in tempo reale. Consentono, quindi, di riconoscere tutte le connessioni sicure, cioè quelle che possono essere realizzate senza alcun rischio, bloccando quelle ritenute potenzialmente pericolose.

È possibile utilizzarne due? Doppio lavoro inutile

In linea teorica la coesistenza su una stessa macchina di due diversi firewall dovrebbe rappresentare, per chi la utilizza, un notevole aumento della sicurezza. Purtroppo però, nella pratica, ciò non avviene e anzi, si possono creare delle situazioni decisamente fastidiose. Se, per esempio, stai utilizzando Windows Vista e vuoi controllare anche tutto il traffico in uscita dal tuo computer, devi installare un ulteriore programma firewall. Windows Vista, però, pur ammettendo la procedura riporta il seguente avviso: se è attivo più di un firewall potrebbero verificarsi conflitti. Anche la coesistenza di due firewall anzichè aumentare il livello di sicurezza crea problemi. Si complica anche l’attività di routine del Pc perchè ogni firewall blocca tutte le porte inutilizzate da Windows. Ciò comporta prima di tutto un maggiore impiego di risorse come nel caso in cui, oltre il firewall del Pc, sia attivo anche quello del router. In questo caso è neccessario configurarle entrambi per poter utilizzare per esempio un client Torrent. Analogamente a quanto avviene per gli antivirus, anche due firewall installati nello stesso Pc fanno ricorso alle stesse risorse di sistema. Proprio per questo per esempio la Norton Internet Security Suite di Symantec disattiva già al momento dell’installazione il firewall Windows, in modo che non ostacoli il proprio firewall. Peccato che in XP a volte non ci riesca e così al momento del riavvio di firewall Windows è di nuovo attivo. In questo caso spesso non rimane altra soluzione che andare nel Registry e disattivarlo manualmente. Per farlo, aprire l’editor del Registri facendo clic su Start / Esegui e digitando regedit. Successivamente navigare fino a Hey_Local_Machine/System/Current ControlSet/Service/SharedAccess/parameters/firewallpolisy/StandardProfile. Qui modificare il valore di Enable Firewall inserendolo.

Le applicazioni si bloccano

Quando spariscono i drive, il PC diventa più lento e non ci si riesce a collegarsi a internet, non sempre è colpa di Windows. La causa di tali problemi dipende molto spesso da tool che vogliono attingere alle stesse risorse. E’ vero che Windows registra blocchi ed errori: la lista è visibile in strumenti di amministrazione alla voce Visualizzatore eventi. Tuttavia, indica sempre solamente l’ultima causa rilevata e non identifica eventuali software in conflitto.

Security: la guerra dei guardiani

Spesso si hanno de problemi quando sono installate due security suite o due antivirus. L’effetto più innocuo riguarda il relativo utilizzo del sistemsa, che rallenta notevolmente il pc già con un solo software di protezione. Aumenta anche il numero di falsi positivi; il problema,peròè più grave quando i due tool si ostacolano a vicenda, perchè alla fin fine si deve cercare, analizzare e,se neccesssario,mettere in quarantena gli stessi file. Questo naturalmente non avviene nel cao di due utility della stessa suite, perchè sono state sviluppate i modo tale da lavorare simultaneamente. Alcune suite come Norton o Kaspersky analizzano il pc già al momento dell’installazione alla ricerca di software di sicurezza incompatibili e richiedono all’utente di rimuoverli per poter effettuare l’installazione. Ciò, però, può riservare cattive sorprese: vorresti rinunciare a un tool importante come Spybot per installare Kaspersky? La ragione del conflitto è che il modulo di Spybot TeaTimer controlla tutte le modifiche nel Registry come il suo omologo di Kaspersky. Dunque, entrambi ricorrono alle stesse risorse di sistema. Tuttavia è possibile disattivare TeaTimer in modo che i due possano coesistere senza problemi. Prima, però è neccessario aggirare nel corso dell’installazione la richiesta di Kaspersky: decomprimere i file di setup di Kaspersky avviando la procedura di installazione. Quando appare il messaggio di di notifica di Spybot, terminare, terinare la procedura. Successivamente fare clic su Start/Esegui e richiamare la riga di comando digitando cmd. Navigare fino alla cartella di setup; normalmente si trova in Documents and Settings/All Users/Dati applicazioni/Kaspersky Lab Setup Files. Nella cartella corrispondente, avviare: Setup.Exe con il comando setup.exe /pSKIPPRODUCTCHECK=1. In questo modo si ripeterà la procedura di installazione ma evitando la richiesta di compatibilità. Tuttavia l’avviso può comparire anche se l’utente a già disinstallato il vecchio antivirus. Il problema è che le procedure di disinstallazione non funzionano sempre in modo impeccabile e rimangono delle tracce nel Registry. Tali tracce si possono individuare tramite la funzione di ricerca dell’editor nel registro di sistema o, in alternativa, è possibile eseguire la disinstallazione con un tool speciale come Revo Uninstaller. Revo non fa altro che eseguire la routine di disinstallazione corrispondente e inoltre ripulisce il sistema eliminando tutte le tracce. Per la protezione in tempo reale si consiglia dunque di installare un solo antivirus. Anche Defender, l’antispyware incluso in Windows può andare in conflitto con Kaspersky. Infatti quest’ultimo integra un’utility antispam e quando Defender è attivo può accadere che l’antivirus si blocchi o che segnali dei falsi positivi. In tal caso in XP è neccessario disinstallare Defender, tramite Pannello di Controllo/Installazione Applicazioni /Windows Defender, facendo clic su Rimuovi. In Vista si può semplicemente disattivare Defender : secondo Kaspersky comporta meno problemi della soluzione radicale. Andare in Start/Tutti i Programmi/Windows Defender. In Defender, aprire Strumenti /Opzioni e togliere il segno di spunta alla voce Analizza automaticamente il computer in Analisi automatica.

Il firewall debole in Windows, perchè?

Microsoft ha sempre avuto una personale visione della gestione dei firewall software integrati all’interno delle varie edizioni dei propri sistemi operativi. Nella versione originale di Windows XP, compreso il Service Pack 1, il programma incluso si chiamava Internet Connection Firewall e il suo compito consisteva esclusivamente nel controllo dei tentativi di intrusione, da parte di computer esterni, che venivano realizzati tramite Web. Con la distribuzione del Service Pack 2, Internet Connection Firewall è stato sostituito dal più completo Windows Firewall: lo stesso pacchetto utilizzato attualmente in Vista. Il limite principale di Windows Firewall, però, è che controlla esclusivamente il traffico di rete in entrata mentre non effettua alcuna analisi sui dati in uscita. Se tu desideri mettere al sicuro il contenuto del tuo disco fisso, sei costretto a installare un ulteriore firewall che deve andare a integrare quello nativo del sistema operativo. Da qualche anno, tutti i produttori di antivirus o quasi affrono prodotti che integrano un firewall. Senza questo strumento, infatti, è impensabile garantire la sicurezza del tuo computer.

I migliori firewall free

Comodo Firewall: http://personalfirewall.comodo.com/ Scaricabile da NAMP – Cliccami

Ashampoo FireWall FREE: http://www.ashampoo.com/en/usd/pin/0050/Security_Software/Ashampoo-FireWall-FREE

Zone Alarm: http://www.zonealarm.com/security/it/home.htm?lid=it

PC Tools Firewall Plus: http://www.pctools.com/firewall/

Il PC sicuro con pochi accorgimenti e buon senso

Tutte le banche sono dotate di vetri blindati, chi parcheggia la propria auto la chiude a chiave, i documenti importanti finiscono in una cassaforte; invece un numero ancora troppo elevato di utenti lascia il proprio computer senza alcuna protezione. Un paradiso per la criminalità presente in Rete che ripulisce in maniera estremamente professionale i conti di navigatori imprudenti e dà vita a un fiorente commercio con i dati clonati delle carte di credito. Eppure basta poco per proteggersi: il proprio PC sarà al sicuro dagli Crackers se gli si dedica solo un po’ di tempo e lo si proteggerà con qualche tool. Ci si può sedere tranquiÌlamente davanti al computer, sapendo che nessuno puo arrivare ai dati in esso contenuti. E anche se qualcuno si dovesse impadronire fisicamente del computer, si troverà di fronte un muro invalicabile, con misure di sicurezza che potrebbero reggere il confronto con le soluzioni adottate dalla Cia o dall’Fbi. Realizzare una protezione a 360 gradi è così semplice e veloce che un caffè appena fatto non avrà il tempo di raffreddarsi: bastano dieci minuti.

Esegui l’update

Attualmente Windows XP, Vista e Seven hanno oltre un centinaio di falle di sicurezza ben note a tutti, che rappresentano vie di accesso privilegiate per gli Crackers Nelia maggior parte dei casi basta una semplice riga di codice per paralizzare il sistema della vittima. E non importa se l’hard disk è cifrato, se è in funzione l’antivirus o se i crackers utilizzano solo un account standard. In questo caso solo una cosa può essere d’aiuto: eseguire tutti gli update di Microsoft. Con XP vai nel Pannello di controllo, fai clic su Centro sicurezza PC e abilità gli Aggiornamenti automatici. Con Vista e Seven clicca Start/Tutti i programmi/Windows update. In Controlla Aggiornamenti, Windows verificherà se la situazione è rischiosa per la sicurezza del PC e installa quindi un bugfix adeguato. Le funzioni di update possono continuare a lavorare in background dopo l’avvio e non appena tutto è stato aggiornato riceverai un messaggio di pop-up. La ricerca dura, a seconda del sistema, da 20 a 40 secondi. Linstallazione necessita di alcuni minuti, ma è completamente automatica.

Configura l’antivirus

Ogni giorno i produttori di sistemi antivirus scoprono oltre 6.000 nuove varianti di programmi maligni. Se il sistema non è protetto i software della criminalità organizzata hanno via libera, cancellando file e spiando i dati di accesso all’home banking. Linstallazione dei programmi dura tra 30 e 60 secondi. Avast, AVG, Symantec, Kaspersky. Per proteggere dai nuovi pericoli, gli antivirus hanno escogitato di recente una strategia: il programma verifica in background se un’applicazione in fase di avvio manifesta un comportamento tipico del virus. Non appena la scansione scopre un presunto programma maligno avvisa l’utente e mette il programma in quarantena. Contemporaneamente, l’antivirus invia opzionalmente parte del software sospetto al produttore dell’antivirus, che lo analizza ed eventualmente aggiorna la propria collezione. Proprio per questo è estremamente importante aggiornare sempre il motore di scansione dell’antivirus.

Utilizzare un Tool Antispam

Circa il 92% di tutti i messaggi email sono spam, queste le stime del produttore di software di sicurezza Sophos. È abbastanza irritante che i messaggi pubblicitari rallentino l’arrivo della posta, anche perché in molti casi nascondono programmi maligni che cercano di bloccare il computer e spiare i dati. Per eliminare la pubblicità e i programmi maligni si può utilizzare il filtro antivirus Spamihilator scarica l’ultima versione. Chi invia spam cambia continuamente indirizzo e sfugge ai dispositivi di sicurezza del provider grazie a particolari codici o a un formato insolito della mail. Spamihilator si adegua agli attacchi e può essere ampliato grazie a plug-in specifici; questo tool è efficace solo se si utilizza un client mail, come Outlook o Thunderbird: il software, infatti, si interpone come proxy server tra il provider e il client. Da Ìì controlla tutti i messaggi dal contenuto sospetto e se necessario li cancella, evitando così di spostare sull’hard disk la pubblicità indesiderata, che potrebbe eludere le misure di sicurezza del provider. La configurazione è semplice: Installa Spamihilator, il tool riconosce da solo il client di posta installato e il protocollo utilizzato. Non vengono richieste impostazioni particolari,il tool mette subito in funzione il filtro piu importante; tra quelli disponibili, il filtro DCC si dimostra particolarmente efficace. A ogni mail ricevuta, Spamihilator invia il checksum a un server DCC; qui viene accertato con quale frequenza è stata già inviata una mail con lo stesso hash. Se il numero di messaggi è eccessivoi, il server DCC classifica il messaggio come spam e lo trasmette a Spamihilator, che elimina l’e-mail corrispondente. Oltre al filtro DCC, Spamihilator offre anche tutte le tradizionali misure di sicurezza, dal filtro sui termini a blacklist e whitelist. Per installarle, avvia il programma di posta elettronica e fare clic con il tasto destro del mouse sul simbolo di Spamihilator. Seleziona Area di apprendimento: in una nuova finestra si troveranno tutte l’e-mail ricevute. Cerca un messaggio proveniente da un indirizzo conosciuto e aprilo;se, contro ogni aspettativa, si tratta di pubblicità indesiderata, seleziona il messaggio come Spam. Ripetendo questa operazione di frequente Spamihilator memorizzerà il contenuto della mail e la eliminerà automaticamente. La whitelist offre un’altra protezione: si possono registrare in questa lista, nelle impostazioni di Spamihilatort, tutti i mittenti conosciuti e affidabili. Nella maggior parte dei casi lo si può fare molto semplicemente con il Drag e Drop: basta trascinare l’e-mail ricevuta da un amico dalla finestra del client verso Spamihilator; se il programma di posta elettronica non supporta questa funzione, inserisci manualmente il nuovo indirizzo. Ricevi ancora posta spazzatura?. E’possibile utilizzare anche il programma di posta elettronica per contribuire a bloccarla: ecco come impostare correttamente Outlook e Thunderbird.

OUTLOOK: Per tenere pulito il client mail di Microsoft seleziona Azioni/Posta indesiderata/Opzioni posta elettronica indesiderata; tra le Opzioni imposta Alto. Successivamente specifica che Outlook deve eliminare immediatamente imessaggi spam; altrlmenti la cartella Posta indesiderata si riempirà velocemente. In Mittenti attendibili crea una whitelist con tutti i contatti dalla propria rubrica Outlook.

THUNDERBIRD: Il tool di Mozilla intuisce quali mail considerare spame quali no. Bisogna solo comunicare al client come deve comportarsi con la pubblicità indesiderata trovata. Seleziona Strumenti/Opzioni/Privacy. Attiva quindi Quando un messaggio viene riconosciuto come posta indesiderata/Cancellalo e esci dalle impostazioni. Se arriva una e-mail indesiderata, basta selezionarla e fare clic su indesiderata nella toolbar. Più spesso si compie questa selezione, più efficace diventerà Thunderbird nel selezionare lo spam.

Configura la cifratura Wpa2 nella Wlan

Windows confida più nei PC della propria rete che nei dati del web, e questo va bene. Ma può essere rischioso se si considera che gli hacker hanno bisogno in media solo di 50 secondi per introdursi via Wi-Fi in una Lan, se la rete non è stata resa sicura con un sistema di cifratura moderno. Fondamentale è il router, il principale sistema di comunicazione della rete: illustro le impostazioni necessarie per quanto riguarda il FritzBox 7270. Nei dispositivi di altri produttori la configurazione funziona in maniera analoga. Quasi tutti i router, a parte lAirport Extreme di Apple, si possono configurare su una pagina web che si può semplicemente aprire nel browser. Per il FritzBox inserire l’indirizzo http://www.fritzbox.eu/it/.Per altri modelli esiste spesso un Ip,che si può individuar in questo modo: nel menù Start di Windows fai clic su Esegui e inserisci il comando cmd. Al prompt digita ipconfig e conferma coni l tasto invio; alla voce Gateway predefinito si trova l’Ip necessario. Dopo aver inserito l’indirizzo del router, il pc chiede una password administrator. Nel caso del FritzBox lascia in bianco lo username e inserire come password admin. E’ essenziale modificare questi dati al più presto, perché agli hacker basta immettere una password standard per accedere alla configurazione di rete. Situazione molto delicata: nei modelli FritzBox con manutenzione remota è sufficiente una password per arrivare via web a questa configurazione. Fai clic su Settings/System e quindi su FRITZ! Box Passwords; seleziona la casella di controllo e inserisci la nuova password. Per modificare la password di rete, è possibile scegliere tra vari metodi di cifratura: Wep, Wpa Psk e Wpaz Aes; Wep viene considerato poco sicuro perché può essere violato in pochi minuti con un software adatto. I vecchi dispositivi con codifica Wep rendono la rete vulnerabile agli attacchi. Meglio puntare allora su Wpa: I ricercatori hanno elaborato un metodo teorico su come recuperare la Pre Shared Key nei sistemi informatici altrui, ma non è alla portata di tutti. Per rendere i vecchi componenti Wep più veloci e sicuri è possibiìe utilizzare un Bridge come il WNHDE111 di Netgar. Innanzitutto, attiva la Wlan con un clic sul menù Settings/WlAN/Radio Settings, mettendo un segno di spunta su Enable WLAN; assegna una definizione in Name of the radio network (SSID). Questo comparirà successivamente nella lista delle reti disponibili in Windows. Passa quindi almenÌr Settings/WLAN. Nella sezione Security seleziona Enable WPA encryption e scegli come WPA Mode la voce WPA + WPAz. Inserisci quindi una password di rete con cui successivamente aggiungi i singoli client alla WIan. Registra come password di rete una parola d’ordine di almeno dieci caratteri, composta da lettere e numeri. Con Apply si attiveranno le nuove impostazioni di sicurezza.

Login con la chiave usb

Non lasciare incustodito il bagaglio: quanto detto per la propria vallgia dovrebbe valere anche per il computer; è necessario, soprattutto, rendere sicuri i dispositivi portatili. È naturale proteggere i conti dell’utente con una password, ma chi blocca la postazione Windows quando si va a prendere un caffè?

Utilizza il salvataggio password

Una password sicura è lunga almeno 20 caratteri ed è composta da un insieme di lettere maiuscole e minuscole, cifre e caratteri speciali. Ovviamente, a ogni account si dovrebbe assegnare una password differente; per non lambiccarsi il cerveÌlo a ogni login può essere d’aiuto un programma di salvataggio password, che permetterà di utilizzare un’unica password master. A tutto il resto pensa il software, effettuando la registrazione automatica su siti web o inserendo pin e tan. Il software che ti consiglio è il freeware KeePass. Per prima cosa, è necessario selezionare la lingua italiana. Scompatta quindi il file e posizionalo nella cartella del programma. Prima di memorizzare le password nel programma bisogna creare un file di deposito: fai clic su File/Nuovo e selezionare una posizione sull’hard disk. In Password principale inserisci una parola d’ordine universale con cui in seguito si potranno richiamare i dati memorizzati. Conferma una seconda voìta le impostazioni con Ok e selezionare quindi Modifica/Aggiungi una voce per inserire nuovi dati di login. Come esempio, utilizziamo l’accesso alla casella di posta elettronica di GMail: in Titolo, inserire il nome dell’account, per esempio GMail. In Nome utente aggiungere il nome con cui si è registrati, mentre in Password e Ripeti la password di accesso. Confermare con Ok. Se si vuole effettuare iÌ login automatico su GMail, basta visitare il sito, selezionare la voce in KeePasse premere la combinazione Ctrl+V.

Cifra l’hard disk

Dopo aver eseguito tutti i passaggi precedenti il PC è protetto al 95% dagli attacchi. Il rimanente 5% lo si può ottenere codificando l’intero hard disk con VeraCrypt. La cifratura dura dai 20 ai 30 minuti in base alla grandezza dell’hard disk. Il PC, in ogni caso, porta a termine automaticamente questo compito, mentre ti godi un caffè.

Che cos'è la cartella AppData?

La cartella AppData contiene le impostazioni, i file e i dati specifici per le app nel PC. La cartella è nascosta per impostazione predefinita in Esplora file e include tre sottocartelle nascoste: Local, LocalLow e Roaming.

Roaming. Questa cartella ( %appdata% ) contiene dati che possono essere spostati con il tuo profilo utente da un PC a un altro, come in un ambiente con domini, perché questi dati supportano la sincronizzazione con un server. Se accedi a un PC diverso in un dominio, ad esempio, i Preferiti o i segnalibri del Web browser saranno disponibili.

Local. Questa cartella ( %localappdata% ) contiene dati che non possono essere spostati con il tuo profilo utente. Questi dati sono di solito specifici di un PC o troppo grandi per eseguirne la sincronizzazione con un server. I Web browser, ad esempio, archiviano in genere i file temporanei in questa cartella.

LocalLow. Questa cartella ( %appdata%/…/locallow ) contiene dati che non possono essere spostati, ma offre anche un livello di accesso inferiore. Se esegui un Web browser in modalità protetta o provvisoria, ad esempio, l'app sarà in grado di accedere ai dati solo dalla cartella LocalLow.

Sono le app stesse a scegliere se salvare nelle cartelle Local, LocalLow o Roaming. La maggior parte delle app desktop usa la cartella Roaming per impostazione predefinita, mentre la maggior parte delle app di Windows Store usa la cartella Local per impostazione predefinita.

Avviso

Sconsigliamo di spostare, eliminare o modificare file o cartelle all'interno della cartella AppData. Questo tipo di interventi potrebbe compromettere le prestazioni di esecuzione delle app oppure impedirne del tutto l'esecuzione.

(Che cos'è la cartella AppData? Informazioni Prelevate Dal Sito Ufficiale Microsoft)

Applicazioni Setup E Soprattutto Portable.

C:\Users\Nome Utente PC\AppData\Roaming

Dove leggi "Nome Utente PC" inserisci il nome utente che utilizzi sul tuo computer. ALBERCLAUS è nome utente utilizzato nel mio PC.

Se il nome utente sul tuo computer è NiCo, ad esempio, allora il tuo percorso è il seguente: C:\Users\NiCo\AppData\Roaming

Per aprire la cartella "AppData":

1) Clicca sopra il pulsante Start in basso a sinistra nella barra di Windows.

2) Digita (o copia inserendo il tuo nome utente) in "Cerca programmi e file": C:\Users\Nome Utente PC\AppData\Roaming oppure copia ed incolla questo: %appdata%

3) Clicca sopra il tasto "Invio" dalla tastiera.

4) Clicca con il puntatore del mouse sopra la cartella Roaming che ti apparirà in alto nell’elenco dei risultati.

5) Aperta la cartella Roaming esegui il Copia "salvando" la cartella del programma Portable che utilizzi (oppure del programma setup).

Aiuta Il Progetto NAMP: Offri Un Caffè?
Software Aggiornati | Febbraio-Marzo 2017
MKVToolNix v10.0.0+gMKVExtract Software Libero 26/03
Bandisoft Honeyview v5.19.4852 Freeware 05/03
qBittorrent v3.3.11 Software Libero 03/03
Shotcut v17.03.02 Software Libero 03/03
MediaInfo GUI v0.7.93 Software Libero 02/03
Foxit Reader v8.2.1.6871 Freeware 01/03
Emsisoft Emergency Kit v2017.2.0.7222 Freeware 01/03
Azureus (Vuze) v5.7.5.0 Software Libero 28/02
Avidemux v2.6.18 Software Libero 24/02
Pazera Audio Video Pack Converter v2.14 Freeware 24/02
Paint.NET v4.0.13 Freeware 24/02
SAS.Planet v160707 Software Libero 24/02
SUPERAntiSpyware v6.0.1236 Freeware 24/02
BlueGriffon v2.3.1 Software Libero 24/02
PDF24 Creator v8.1.0 Freeware 23/02
Hallo Northern Sky v3.3.0c Freeware 22/02
FileZilla Client v3.24.1 Software Libero 22/02
Advanced Renamer v3.74 Freeware 21/02
Macrium Reflect Free v6.3.1734 Freeware 21/02
K-Lite Codec Pack v12.9.5 Freeware 21/02
qTox v1.8.1 Software Libero 21/02
DriverEasy v5.1.7 Freeware 21/02
Wise Program Uninstaller v1.98.107 Freeware 20/02
PDF Shaper v7.1 Freeware 19/02
PotPlayer v1.7.461 Freeware 19/02
EMDB v2.71 Freeware 19/02
Microsoft Mathematics v4.0.0325 Freeware 19/02
Mozilla Thunderbird v45.7.1 Software Libero 18/02
kid3-Audio Tagger v3.4.5 Software Libero 18/02
Data Crow v4.2.0 Software Libero 18/02
Moo0 Magnifier v1.17 Freeware 18/02
AIMP v4.13.1887 Freeware 17/02
SynWrite v6.35.2600 Software Libero 17/02
PDFCreator v2.5.1 Software Libero 16/02
HomeBank v5.1.4 Software Libero 16/02
CherryTree v0.38.0 Software Libero 16/02
PicPick v4.2.3 Freeware 15/02
PhotoFilmStrip v3.0.0 Software Libero 15/02
Ninja Download Manager Build 34 Freeware 14/02
CCleaner Free v5.27 Freeware 14/02
Adobe Flash Player v24.0.0.221 Freeware 14/02
Ant Renamer v2.12 Software Libero 14/02
Notepad++ v7.3.2 Software Libero 11/02
RedNotebook v1.15.0 Software Libero 11/02
NAPS2 v5.3.3 Software Libero 10/02
XnConvert v1.73 Freeware 09/02
Cameyo v3.1.1446 Freeware 09/02
EaseUS Data Recovery Wizard v11.0 Freeware 09/02
Emsisoft Emergency Kit v12.0.0.6971 Freeware 09/02
DKLang Translation Editor v3.0 Software Libero 07/02
GIMP v2.8.20 Software Libero 07/02
Adobe Digital Editions v4.5.4 Freeware 07/02
PeaZip v6.3.1 Software Libero 06/02
SMPlayer v17.2.0 Software Libero 06/02
RawTherapee v5.0 Software Libero 05/02
Balabolka v2.11.0.622 Freeware 05/02
Picosmos Tools v1.8.0 Freeware 05/02
OpenShot Video Editor v2.2.0 Software Libero 05/02
CDBurnerXP v4.5.7.6521 Freeware 04/02
Krita v3.1.2.2 Software Libero 02/02
LibreOffice v5.3.0 Software Libero 02/02
Kodi v17.0-Krypton Software Libero 02/02
FotoSketcher v3.30 Freeware 01/02
Cyberduck v5.3.4 Software Libero 01/02
Salva Delle Vite!
Hosting Free 100%