Statistiche

  • 3702953Totale Pagine:
  • 1863553Totale Visitatori:
  • 2752Visite Questo Mese:
  • 336Pagine Ieri:
  • 175Visite Ieri:
  • 9Pagine Oggi:
  • 5Visite Oggi:
  • 13Utenti Collegati:
  • 02/02/2009Partito Dal:

  Top Scaricati

  Forum: Ultimi Messaggi

Portable Revo Uninstaller Pro
Unofficial Portable CCleaner Pro
Interactive Calendar PortableNAMP

  Forum: Ultim Argomenti

Portable Revo Uninstaller Pro
Interactive Calendar PortableNAMP
EssentialPIM Pro portatile
Glary Utilities portatile
18/08/2022

NAMP

Official Website

BRICS: Iran E Argentina Chiedono Ingresso

28/06/2022 ore 08:48 – Due paesi hanno fatto la domanda per aderire ai BRICS. Iran e Argentina vedono un potenziale nel blocco Brasile-Russia-India-Cina-Sud Africa.

La Repubblica islamica dell’Iran ha presentato ufficialmente la sua domanda per entrare a far parte del gruppo delle cinque principali economie composto da Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa, ha annunciato Lunedì 27 Giugno 2022 il ministero degli Esteri di Teheran. La mossa arriva dopo che il presidente iraniano si è rivolto al vertice dei BRICS la scorsa settimana.

Sebbene i BRICS non siano un blocco di trattati, hanno un “meccanismo molto creativo con ampi aspetti“, ha affermato Lunedì il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Saeed Khatibzadeh, secondo l’agenzia di stampa Tasnim. Ha aggiunto che Teheran ha già avuto “una serie di consultazioni” con i BRICS sulla domanda.

L’adesione dell’Iran “aggiungerebbe valore” per tutte le persone coinvolte, ha affermato Khatibzadeh, osservando che i membri dei BRICS rappresentano fino al 30% del PIL mondiale e il 40% della popolazione mondiale.

Venerdì, il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha parlato al vertice virtuale BRICS ospitato dalla Cina ed ha espresso la disponibilità di Teheran a condividere le sue capacità e potenzialità con il gruppo.

Anche l’Argentina ha presentato domanda per entrare a far parte dei BRICS. Il presidente Alberto Fernandez, Venerdì 24 Giugno ha sollecitato la creazione di meccanismi di cooperazione che potrebbero rappresentare l’alternativa alle istituzioni apparentemente private gestite da (e nell’interesse) dell’Occidente.

Durante la sessione di Mercoledì 22 Giugno, il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che il gruppo di cinque membri stava lavorando alla creazione di una nuova valuta di riserva globale “basata su un paniere di valute dei nostri paesi“.

L’Occidente si è dimostrato inaffidabile sotto ogni punto di vista, in particolar modo il seguire le regole. Gli U.S.A. e i suoi alleati si sono dimostrati una setta atta a invadere i Paesi sovrani finanziariamente, imponendo e modificando le regole a proprio piacere: le sanzioni contro la Russia hanno mostrato al mondo intero il vero volto Occidentale.