Statistiche

  • 3831874Totale Pagine:
  • 1928196Totale Visitatori:
  • 786Visite Questo Mese:
  • 347Pagine Ieri:
  • 211Visite Ieri:
  • 363Pagine Oggi:
  • 158Visite Oggi:
  • 11Utenti Collegati:
  • 02/02/2009Partito Dal:

  Top Scaricati

  Forum: Ultimi Messaggi

Non Riesco A Scaricare Dal Portal …
Lista Software Progetto Lingua It …
Winamp Lingua Italiana NAMP
Portable Revo Uninstaller Pro

  Forum: Ultim Argomenti

Non Riesco A Scaricare Dal Portal …
Winamp Lingua Italiana NAMP
Portable Revo Uninstaller Pro
Interactive Calendar PortableNAMP
04/02/2023

NAMP

Official Website

Francesca Donato, Intervista Ruslan Kotsaba: Zelensky È Burattino U.S.A. (Video 2022)

23/10/2022 ore 13:20 – Francesca Donato: « Ruslan Kotsaba è un attivista per la pace ucraino, della zona ovest dell’Ucraina (quindi non dell’area russofona), che per le sue battaglie contro la guerra in Donbass è stato incarcerato per quasi due anni. Fuggito dal suo Paese per il timore di un nuovo arresto dopo l’inizio del conflitto con la Russia, lancia un appello all’Unione Europea ed al governo italiano per un’iniziativa di pace, che promuova un negoziato senza dare più credito alla propaganda di regime di Zelensky, che da anni perseguita le minoranze russofone e le opposizioni al proprio governo con sistemi assolutamente antidemocratici.

Qui trovate il testo integrale (oppure quì sotto) dell’intervista https://www.francescadonato.eu/zelensky-e-un-burattino-degli-usa-intervista-a-ruslan-kotsaba/ »

 

Francesca Donato, Intervista Ruslan Kotsaba – Zelensky È Un Burattino Degli U.S.A. (22/10/2022)

 

Qualche giorno fa ho incontrato a Strasburgo Ruslan Kotsaba, un giornalista ucraino attivista per la pace perseguitato dal governo di Kiev. Ho colto l’occasione dell’incontro per una intervista che vi ripropongo integralmente lasciando a voi giudizi e riflessioni.

Francesca:

Benvenuti onorevoli colleghi, ora siamo a Strasburgo e ho il piacere di avere con noi un ospite eccezionale. È un giornalista ucraino attivista per la pace in Ucraina ed è stato incarcerato in una prigione ucraina per diversi anni, sta solo aspettando la sentenza della Corte Suprema sul suo caso e al momento è scappato dall’Ucraina e ho il piacere di intervistarlo qui per te ora.

Benvenuto, per favore presentati, come ti chiami?

Interprete:

Ciao, mi chiamo Ruslan Kotsaba. Sono il primo “prigioniero di coscienza” dell’organizzazione denominata Amnesty International. Sono in carcere da più di 500 giorni, perché sono pacifista e dal 2014 ho espresso critiche sul processo di mobilitazione in Ucraina. Quindi ora sono andato via dall’Ucraina perché il mio procedimento penale è alla Corte Suprema in Ucraina e (la sentenza) potrebbe essere tra pochi mesi, quindi sarei stato in una brutta situazione se non fossi venuto qui, perché in Ucraina potrei essere condannato a tornare in prigione dopo l’inizio della guerra.

Francesca:

Quindi, solo per riprendere: il signor Kotsaba è scappato dall’Ucraina dopo essere stato incarcerato solo per un motivo, perché è un attivista per la pace e in Ucraina oggi chiedere la pace, lavorare per la pace, è considerato un tradimento del governo nazionale e delle politiche nazionali. Quindi, penso che questo sia un aspetto molto importante da considerare e personalmente ritengo che chiedere la pace non possa mai essere considerato un crimine, perché la libertà di espressione è un valore che l’Unione Europea protegge e difende e la pace è un valore universale che tutti dovremmo difendere. Quindi grazie ancora Mr. Kotsaba per essere qui con noi.

Alla luce di tutto ciò che hai detto finora, pensi che il governo di Zelensky sia un governo democratico come dice l’UE?

Interprete:

Per prima cosa voglio dire che penso che il presidente Zelensky sia un bugiardo perché quando c’erano le elezioni dove ha vinto e preso il 73% per la sua vittoria, aveva slogan che dicevano: “Io sono il presidente per la pace” e dopo 2 anni sembra che Zelensky è un altro eletto, perché adesso è un Presidente molto “militare”.

Interprete:

Inoltre sembra che dopo l’inizio della guerra, il presidente Zelensky abbia spostato l’Ucraina in uno stato non democratico, perché la sua politica è come una politica dittatoriale perché per questi mesi, senza alcuna decisione del tribunale, ha chiuso vicino a dieci partiti di opposizione, molti politici di opposizione vanno anche a prigioni o devono andarsene dall’Ucraina, come Ruslan. Ha chiuso tutte le informazioni, i canali tv, tutti i media, quindi in soluzione (in realtà) Ruslan dice che oggi Zelensky non è affatto un presidente democratico.

Interprete:

Ha detto che Zelensky non è un presidente indipendente perché la sua politica non è nell’interesse della società ucraina e forse alcuni paesi come gli Stati Uniti o la Gran Bretagna lavorano per mano del popolo ucraino, per mano del presidente Zelensky, per combattere la Russia perché hanno dei profitti da questa guerra per la loro economia e per il loro futuro.

Francesca:

Quindi faccio notare che state facendo accuse molto dure, molto pesanti sul governo del presidente Zelensky. Hai detto che è un bugiardo, che è un dittatore, che è un po’ corrotto, perché persegue i suoi interessi personali, invece di quelli del popolo ucraino.

Le pongo un’altra domanda: secondo lei, qual è il ruolo dei mass media – mass media ucraini e mass media europei – in questa situazione di guerra con la Russia?

Interprete:

Ha detto che in Ucraina dopo l’inizio della guerra non c’è più libertà di voce, libertà di parola perché tutti i canali tv sono bloccati, sono chiusi. Ci sono molti canali ma c’è un solo programma governativo in regime di notizie in cui puoi ascoltare solo una posizione, raccontano alla società ucraina solo gli interessi ma non i problemi a causa della guerra. La propaganda del governo usa un linguaggio molto aggressivo quindi se vuoi dire che sei per un processo di pace per qualche negoziato o per alcuni accordi per fermare la guerra, si dice che sei un agente di Putin o un agente della Russia e vediamo che c’è la stessa situazione nei media europei; anche tutti i politici che vogliono dire qualcosa sul processo o su alcuni accordi per fermare la guerra, sono anche come una terra bianca nei loro paesi e hanno problemi con i media, hanno problemi con i loro governi e quindi queste voci non sono ascoltate dai grandi pubblico.

Interprete:

Dice che questa politica dell’informazione dei media transnazionali sono grandi progetti, stanno sostenendo la grande guerra nel mondo intero perché hanno alcuni proprietari e questi proprietari forse hanno buoni contratti per alcune lobby militari, quindi supportano questo conflitto in Ucraina forse ogni giorno.

Interprete:

Dice che questa politica di informazione dei media aiuta l’inizio di questa guerra e lui, come un altro ha detto, che la Grande Guerra in Ruanda è iniziata dopo forse circa sei mesi, c’era una famosa stazione radio chiamata radio di 1 Thousand Hills e dopo questo , ha dato inizio alla guerra, quindi c’è un grande ruolo dei media nella guerra in Ucraina.

Per tutta questa politica dell’informazione abbiamo avuto una volta domande dalla società e domande dai tribunali europei.

A causa di questa politica dei giornalisti in Ucraina ogni giorno le persone muoiono.

Francesca:

Allora, secondo te, in questo preciso momento, qual è la strada per la pace?

Cosa dovrebbero fare l’Unione Europea e tutti gli altri leader internazionali per favorire un processo di pace?

Interprete:

Penso che la politica europea non debba aver paura di dire quella voce dei movimenti per la pace perché è per un interesse per il popolo europeo, per l’elettorato europeo della politica europea.

I politici progressisti dovrebbero guardare un passo avanti per capire che ogni nuovo giorno di guerra sarà più popolare nell’idea del pacifismo di quanto lo fosse ieri o mesi fa.

Ha detto che ogni persona che ha perso dei propri cari con la guerra, forse le persone che hanno perso in guerra, i loro cervelli avranno un’evoluzione verso i movimenti pacifisti prima o poi.

Francesca:

Va bene, quello che ho bisogno di sapere da te è qualcosa di più peculiare, voglio dire, in concreto cosa possiamo fare per raggiungere l’obiettivo della pace, voglio dire: dobbiamo avviare negoziati con la Russia, ovviamente, ma come Mr. Zelensky, il governatore dell’Ucraina ha vietato nel suo Paese qualsiasi processo negoziale con la Russia, cosa dovrebbero fare i leader dell’UE per risolvere questo problema?

Credi che i tentativi del leader turco, non so, Erdogan potrebbero essere una buona opportunità per questo o pensi che dovrebbero essere diversi altri soggetti politici che potrebbero essere più adatti di lui a rappresentare entrambi i partiti e – tu sapere – aiutare questa negoziazione a verificarsi?

Interprete:

In primo luogo, ha affermato che la situazione peggiore è che il presidente Zelensky non è indipendente nel suo gabinetto, quindi forse abbiamo bisogno di negoziati tra la Russia e le parti interessate su questo conflitto, magari con USA e Gran Bretagna o alcune istituzioni europee.

Ha detto che forse in futuro sarà un grosso problema tra l’occidente affidabile e la federazione russa.

Erdogan ha un buon ruolo di mediatore su questo conflitto perché sostiene davvero entrambe le parti ed è molto positivo per la situazione economico-finanziaria in Turchia, quindi è molto intelligente per la politica turca.

Erdogan ha una politica intelligente perché vende alcune armi all’Ucraina e acquista petrolio e gas russi più economici, quindi realizza profitti da entrambe le parti.

Uno dei problemi è che non capisce perché Zelensky non sia indipendente al 100% in politica, quindi tutto in una volta può fare quello che sente da Boris Johnson, perché dopo la sua visita a marzo, tutte le proposte di pace iniziano a Istanbul, sono state chiuse.

Francesca:

Quindi capisco che secondo te il presidente Zelensky è una specie di ostaggio e una specie di controllato dai grandi paesi occidentali come Stati Uniti e Regno Unito e tu li chiami stakeholder, ciò significa che ci sono alcuni soggetti che hanno un interesse privato personale in questo conflitto, come – lo ripeto – questi due paesi: UK e USA, ma magari anche stakeholder privati?

Interprete:

Dice che l’obiettivo globale per la Gran Bretagna e gli Stati Uniti è di avere profitti economici nei loro paesi perché dopo l’inizio della guerra l’economia dell’UE è distrutta. Lo vediamo in Germania e in altri paesi, molte industrie si sono fermate e bloccate e questo è a favore della Russia, non è contro l’Ucraina, perché hai l’opportunità di prendere elettricità, petrolio o gas due o quattro volte in meno rispetto all’Unione Europea. Quindi nell’economia globale ci saranno grossi problemi nell’Unione Europea, quindi gli altri paesi devono capire che la società europea dopo questo inverno sarà distrutta, in categorie come la classe media.

Zelensky è mosso come un burattino dall’establishment politico di Stati Uniti e Regno Unito.

Francesca:

Quindi lei pensa che in questo conflitto gli attori che traggono il maggior vantaggio nel mercato competitivo globale siano i grandi concorrenti dell’Unione Europea dal punto di vista economico, come gli USA e il Regno Unito, perché dopo questa guerra ea causa di questa guerra, il L’Unione Europea sarà meno potente e meno ricca di prima, quindi meno competitiva di prima a causa dei prezzi elevati e dei costi elevati delle materie prime. Quindi c’è una sorta di secondo obiettivo per queste grandi potenze, grandi leader globali: distruggere la competitività europea, non è vero?

Interprete:

Pensa che l’obiettivo globale degli Stati Uniti sia quello di aiutare non solo a perdere la federazione russa (non solo la sconfitta della RF), ma vuole anche che l’Unione Europea sia una vittima globale di questa guerra perché la situazione economica sarà pessima e per gli Stati Uniti, l’UE è come un concorrente economico globale, quindi vogliono perdere (sconfiggere) questo concorrente con la guerra in Ucraina, quindi l’Ucraina è uno strumento per perdere (sconfiggere) l’Unione Europea e forse perdere la RF.

Francesca:

Ok. Ebbene, ultima domanda, se potessi chiedere qualcosa al governo italiano, cosa chiederesti?

Interprete:

Vorrebbe dire che ora in Italia c’è una grande diaspora ucraina e una grande comunità di rifugiati ucraini, si esibiranno, lavoreranno nell’economia italiana, ma pensa che il nuovo governo italiano debba fermare questa guerra con più diplomatici posizione per avere qualche iniziativa, come magari qualche soluzione di qualche accordo in futuro o magari qualche ruolo di mediatore perché la guerra è un crimine contro l’umanità.

Per concludere vuole dire che pensa che la società italiana abbia bisogno di vedere ciò che i politici in Italia non vogliono fare alcun passo per il processo di pace e non votarli alle prossime elezioni.

Francesca:

Posso assicurarvi che gli italiani sono in maggioranza a favore della pace, non di andare avanti con questa guerra, e tutti sosteniamo il popolo ucraino ma non pensiamo che questo sostegno dovrebbe essere fatto per far durare più a lungo questa guerra.

La mia ultima domanda riguarda le sanzioni dell’UE contro la Russia.

Cosa ne pensi di sanzioni come l’inibizione del rilascio dei visti ai cittadini russi che vorrebbero venire in Europa? O sanzioni personali a persone come Aleksandr Dugin, o sanzioni simili contro la Russia che, secondo la nostra Commissione Europea, potrebbero essere utili per fermare l’aggressione russa contro l’Ucraina?

Interprete:

Ritiene che alcune sanzioni politiche non siano efficaci perché dopo l’inizio della guerra non ci sono problemi nell’economia russa, hanno prezzi alti per petrolio, gas, mais in tutti i paesi europei, in tutti i paesi ogni famiglia ha nuove bollette perché ha bisogno di pagano il riscaldamento, devono pagare di più per un po’ di benzina e questo è un grosso problema, è l’inflazione.

Quindi pensa che la politica delle sanzioni non sia efficace, come non lo è stata a Cuba o in Iran o in Corea del Nord, perché i regimi politici di questi paesi sono stabili e non hanno alcuna riforma della democrazia.

L’economia russa non ha problemi con queste sanzioni, quindi ha mediatori di alcuni paesi come la Turchia che hanno l’opportunità, come mediatori, di avere un aiuto per evitare le sanzioni; quindi solo i russi hanno problemi perché non possono avere alcun visto per entrare nell’UE, ma dopotutto hanno bisogno di rimanere in Russia, quindi non vediamo alcuna dimostrazione o diminuzione di popolarità del presidente Putin.

Francesca:

Ok! Vi ringrazio molto e penso che oggi nel mio ufficio a Strasburgo volevo solo dare voce e ascoltare la voce di un cittadino ucraino che è una voce di opposizione ed è un’opposizione che è stata violentemente messa a tacere nel suo paese . Quello che oggi l’Unione europea dovrebbe fare è dare sempre voce a una posizione, a pensieri diversi, a opinioni diverse e dare la stessa dignità a tutte le parti, a tutti i modi per vedere la soluzione di questi problemi, perché la democrazia è proprio questo.

La ringrazio molto per l’interpretazione e spero davvero che le sue richieste di una strategia per la pace siano adeguatamente prese in considerazione e che l’Unione europea decida di avere un ruolo concreto, un ruolo forte nel perseguire la pace tra Russia e Ucraina , perché personalmente penso che russi e ucraini siano fratelli e non dovrebbero uccidersi a vicenda.

Grazie mille.

 

Quello Che Il Mainstream Occidentale Dell’Informazione Non Vuole Portare Alla Tua Attenzione.

NAMP Lo Fa Con Dispiacere. Non È Suo Compito.

Il Giornlismo Pagato Anche Con I Tuoi Soldi Dovrebbe Farlo!

Quanto Ti È Piaciuto Questo Contenuto?

Clicca Su Una Stella Per Esprimere Il Tuo Giudizio!

Voto Medio 0 / 5. Votanti Totali: 0

Nessun Voto Al Momento. Perchè Non Voti Per Primo!

Spiacente Che Non Sia Stato Utile Per Te!

Miglioriamo questo contenuto!

Mi Aiuti A Capire? Cosa Non Ti È Piaciuto?