Migliori download

  Forum: Ultim Argomenti

25/04/2024

NAMP

Official Website

Info
Freeware / Software Libero
Stabilizzatore Video – Portatili / Pen Drive
Descrizione
Gyroflow è un programma multipiattaforma (Software Libero, rilasciato sotto i termini della Licenza GNU-GPL v3) che utilizza l’accelerazione hardware per un’elaborazione incredibilmente veloce combinata con una moderna interfaccia utente multilingue.

Per ottenere riprese fluide e cinematografiche, la stabilizzazione video è spesso essenziale. Per le telecamere cinematografiche, ciò viene spesso ottenuto utilizzando gimbal motorizzati o altri stabilizzatori ingombranti. Le fotocamere dei telefoni e le action camera compatte, invece, utilizzano la stabilizzazione elettronica dell’immagine (EIS) applicata in tempo reale in base ai dati del sensore giroscopico. Infine, i pacchetti di editing video possono spesso stabilizzare il video in base al movimento stimato della telecamera, il che potrebbe essere inaffidabile.

È qui che entra in gioco Gyroflow.

È un software di stabilizzazione video di post-elaborazione basato sui dati di movimento registrati. Con l’aiuto di calibrazioni precise dell’obiettivo, correzione della tapparella e algoritmi di stabilizzazione modificabili (incluso il livellamento dell’orizzonte), Gyroflow può produrre una stabilizzazione simile a un gimbal senza alcuna penalità di peso o con una minima penalità. Funziona anche indipendentemente dalle condizioni di illuminazione o dai soggetti in movimento. Ciò è particolarmente adatto per la videografia aerea, dove la versione beta è stata ampiamente valutata sia per produzioni grandi che piccole. Con molte fotocamere GoPro, Sony, insta360 ecc. che supportano la registrazione integrata dei dati di movimento, potrebbe non essere nemmeno necessario hardware aggiuntivo. Puoi anche utilizzare una GoPro come registratore per una telecamera cinematografica.

Gyroflow è tradotto nelle seguenti lingue: Italiano, English, Chinese Simplified, Chinese Traditional, Czech, Danish, Finnish, French, Galician, German, Greek, Indonesian, Japanese, Korean, Norwegian, Polish, Portuguese Brazilian, Portuguese, Russian, Slovak, Spanish, Turkish, Ukrainian

Caratteristiche Tecniche:

-» Supporta ed esegue il rendering di video a 10 bit (fino a 4:4:4:4 a 16 bit per codec normali e float a 32 bit per OpenEXR – funziona direttamente sui dati YUV per mantenere la massima qualità)
-» Uscite H.264/AVC, H.265/HEVC, ProRes, DNxHD, CineForm, PNG e OpenEXR, con H.264 e H.265 completamente accelerati tramite GPU (ProRes accelerato anche su Apple Silicon)
-» Il motore principale è una libreria separata senza dipendenze esterne (no Qt, no ffmpeg, no OpenCV) e può essere utilizzata per creare plug-in OpenFX e Adobe (nell’elenco TODO)
-» Profili obiettivo ufficiali integrati per GoPro: HERO 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12; RunCam: pollice, ThumbPro, 5 arancione; Insta360: GO 2, GO 3 in tutte le modalità di scatto
-» Plugin OpenFX (ad esempio per DaVinci Resolve), che consente di applicare la stabilizzazione nell’editor video senza alcuna transcodifica
-» Algoritmi multipli di livellamento dell’orientamento video, incluso il livellamento dell’orizzonte e la regolazione della fluidità per asse
-» Gyroflow Toolbox: un effetto Final Cut Pro che consente di importare un progetto Gyroflow senza transcodifica
-» Grafico visivo con dati giroscopici (può visualizzare giroscopio, accelerazione, magnetometro e quaternioni)
-» Filtro passa basso giroscopico, rotazione arbitraria (angoli di beccheggio, rollio, imbardata) e orientamento
-» Supporta video GoPro già stabilizzati (acquisiti con Hypersmooth abilitato) (Hero 8 e versioni successive)
-» Supporta video con frame rate variabile e elevato, tutti i calcoli vengono eseguiti su timestamp
-» Basato sul parser di telemetria: supporta tutte le sorgenti giroscopiche pronte all’uso
-» Metodi multipli di integrazione giroscopica per la determinazione dell’orientamento
-» Elaborazione e rendering GPU, tutti gli algoritmi completamente multi-thread
-» Supporto per sequenze di immagini (PNG, OpenEXR, CinemaDNG)
-» Anteprima in tempo reale, regolazione dei parametri e tutti i calcoli
-» Multipiattaforma: funziona su Windows/Linux/Mac/Android/iOS
-» Interfaccia utente moderna e reattiva con tema Scuro e Chiaro
-» Aggiornamenti automatici del database dei profili delle lenti
-» Possibilità di creare impostazioni predefinite personalizzate
-» Processo di calibrazione automatica dell’obiettivo
-» Intensità di correzione della lente personalizzabile
-» Rendering di anteprima GPU Fully zero-copy
-» Visualizzazione visiva dei Quaternioni lisci
-» Zoom adattivo (ritaglio dinamico)
-» Più lingue dell’interfaccia utente
-» Correzione otturazione rollio
-» Chiave dei Fotogrammi
-» Coda di rendering

Sorgenti Giroscopiche Supportate:

-» GoPro (HERO 5 and later)
-» Sony (a1, a7c, a7r V, a7 IV, a7s III, a9 II, FX3, FX6, FX9, RX0 II, RX100 VII, ZV1, ZV-E10, ZV-E1, a6700)
-» Runcam CSV (Runcam 5 Orange, iFlight GOCam GR, Runcam Thumb, Mobius Maxi 4K)
-» Android apps: Sensor Logger, Sensor Record, OpenCamera Sensors, MotionCam Pro
-» Insta360 (OneR, OneRS, SMO 4k, Go, GO2, GO3, Caddx Peanut, Ace, Ace Pro)
-» iOS apps: Sensor Logger, G-Field Recorder, Gyro, GyroCam
-» DJI (Avata, O3 Air Unit, Action 2, Action 4)
-» WitMotion (WT901SDCL binary and *.txt)
-» RED RAW (V-Raptor, KOMODO) (*.r3d)
-» Betaflight blackbox (*.bfl, *.bbl, *.csv)
-» Hawkeye Firefly X Lite CSV
-» ArduPilot logs (*.bin, *.log)
-» Blackmagic RAW (*.braw)
-» KanDao (Obisidian Pro)
-» XTU (S2Pro, S3Pro)
-» Gyroflow .gcsv log
-» Vuze (VuzeXR)
-» CAMM format

Requisiti Minimi Sistema:

-» Windows 10 a 64 bit (1809 o successivo)
-» Architettura: x64 bit
-» Microsoft Visual C++ Redistributable (x64)
-» DirectX: Version 11
-» Memoria: 1 GB (Minimo), 4 GB (Consigliato)
-» Se hai installato Windows “N”, vai su Impostazioni -> App -> Opzioni Funzionalità -> Aggiungi una funzionalità -> attiva Media Feature Pack

MAC:

-» macOS 10.14 o successivo (sia Intel che Apple Silicon sono supportati in modo nativo)

Linux:

-» Pacchetto .tar.gz (consigliato): Debian 10+, Ubuntu 18.10+, CentOS 8.2+, openSUSE 15.3+. Altre distribuzioni richiedono glibc 2.28+ (ldd –version da verificare)

(Informazioni Caratteristiche Prelevate E Tradotte Dal Sito Web Ufficiale)

Software Libero

Cos’è Il Software Libero?

Il “Software Libero” è una questione di libertà, non di prezzo. Per capire il concetto, bisognerebbe pensare alla “libertà di parola” e non alla “birra gratis“. Il termine “free” in inglese significa sia gratuito che libero. L’espressione “Software Libero” si riferisce alla libertà dell’utente di eseguire, copiare, distribuire, studiare, cambiare e migliorare il software. Più precisamente, esso si riferisce a quattro tipi di libertà per gli utenti del software:

-» Libertà di eseguire il programma, per qualsiasi scopo (libertà 0).
-» Libertà di studiare come funziona il programma e adattarlo alle proprie necessità (libertà 1). L’accesso al codice sorgente ne è un prerequisito.
-» Libertà di ridistribuire copie in modo da aiutare il prossimo (libertà 2).
-» Libertà di migliorare il programma e distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio (libertà 3). L’accesso al codice sorgente ne è un prerequisito.

Quando si sente parlare di “software libero” (free software), la prima cosa che viene in mente è “gratis“. Per quanto questo sia vero nella maggior parte dei casi, il termine “free software” utilizzato dalla Free Software Foundation (creatori del progetto GNU e della licenza pubblica generale GNU [GNU General Public Licence, GNU GPL]) è da intendere nel senso di “libero” in quanto “in libertà” (“free as in freedom“= libero come in libertà), piuttosto che nel senso “senza costi” (che in genere si riferisca a “free as a free beer“= gratis come una birra gratuita). Il free software in questo senso è quel software che puoi usare, copiare, modificare, ridistribuire senza limiti. Questo contrasta con la licenza di molti software commericiali, dove ti è permesso installare il software su un solo computer, non ti è permesso di copiarlo, e mai vedrai il codice sorgente (source code). Il free software permette incredibili libertà all’utente finale (end user); inoltre, dato che il codice sorgente è disponibile a tutti, c’è molta più possibilità di trovare e correggere eventuali bug.

Quando un programma è rilasciato sotto la licenza GNU General Public Licence (the GPL):

-» si ha il diritto di utilizzare il programma per qualsiasi scopo;
-» si ha il diritto di modificare il programma e avere accesso ai sorgenti;
-» si ha il diritto di copiare e modificare il programma;
-» si ha il diritto di migliorare il programma, e rilasciare la propria versione.

In cambio di questi diritti, si ha qualche responsabilità rilasciando un programma su GPL, responsabilità studiate per proteggere la tua libertà e quella degli altri:

-» Devi distribuire la licenza GPL insieme al programma, in modo che l’utilizzatore sia a conoscenza dei suoi diritti garantiti dalla licenza.
-» Devi distribuire anche il codice sorgente, o fare in modo che sia liberamente accessibile.
-» Se modifichi il codice e rilasci la tua versione del programma, devi rilasciarla sotto GPL e fare in modo che il codice modificato sia liberamente accessibile (non è possibile utilizzare codice GPL in programmi proprietari).
-» Non puoi restringere la licenza del programma entro i termini della GPL (non puoi trasformare un programma GPL in uno proprietario, in altre parole non puoi limitare i diritti garantiti dalla licenza).

AppData

Che Cos’è La Cartella AppData?

La cartella AppData contiene le impostazioni, i file e i dati specifici per le app nel PC. La cartella è nascosta per impostazione predefinita in Esplora file e include tre sottocartelle nascoste: Local, LocalLow e Roaming.

Roaming. Questa cartella ( %appdata% ) contiene dati che possono essere spostati con il tuo profilo utente da un PC a un altro, come in un ambiente con domini, perché questi dati supportano la sincronizzazione con un server. Se accedi a un PC diverso in un dominio, ad esempio, i Preferiti o i segnalibri del Web browser saranno disponibili.

Local. Questa cartella ( %localappdata% ) contiene dati che non possono essere spostati con il tuo profilo utente. Questi dati sono di solito specifici di un PC o troppo grandi per eseguirne la sincronizzazione con un server. I Web browser, ad esempio, archiviano in genere i file temporanei in questa cartella.

LocalLow. Questa cartella ( %appdata%/…/locallow ) contiene dati che non possono essere spostati, ma offre anche un livello di accesso inferiore. Se esegui un Web browser in modalità protetta o provvisoria, ad esempio, l’app sarà in grado di accedere ai dati solo dalla cartella LocalLow.

Sono le app stesse a scegliere se salvare nelle cartelle Local, LocalLow o Roaming. La maggior parte delle app desktop usa la cartella Roaming per impostazione predefinita, mentre la maggior parte delle app di Windows Store usa la cartella Local per impostazione predefinita.

Avviso

Sconsigliamo di spostare, eliminare o modificare file o cartelle all’interno della cartella AppData. Questo tipo di interventi potrebbe compromettere le prestazioni di esecuzione delle app oppure impedirne del tutto l’esecuzione.

(Che cos’è la cartella AppData? Informazioni Prelevate Dal Sito Ufficiale Microsoft)

Applicazioni Setup E Soprattutto Portable.

C:\Users\Nome Utente PC\AppData\Roaming

Dove leggi “Nome Utente PC” inserisci il nome utente che utilizzi sul tuo computer. ALBERCLAUS è nome utente utilizzato nel mio PC.

Se il nome utente sul tuo computer è NiCo, ad esempio, allora il tuo percorso è il seguente: C:\Users\NiCo\AppData\Roaming

Per aprire la cartella “AppData“:

1) Clicca sopra il pulsante Start in basso a sinistra nella barra di Windows.

2) Digita (o copia inserendo il tuo nome utente) in “Cerca programmi e file“: C:\Users\Nome Utente PC\AppData\Roaming oppure copia ed incolla questo: %appdata%

3) Clicca sopra il tasto “Invio” dalla tastiera.

4) Clicca con il puntatore del mouse sopra la cartella Roaming che ti apparirà in alto nell’elenco dei risultati.

5) Aperta la cartella Roaming esegui il Copia “salvando” la cartella del programma Portable che utilizzi (oppure del programma setup).

Modifiche Ufficiali: Changes – 1.5.4 – 27/12/2023

✨ Improvements

  • Added a very basic way to stabilize files without gyro data. Simply load the video without gyro data, load lens profile and click “Autosync”. It should analyze the video using optical flow and use that as gyro data. Note that this is not a proper feature yet. May work for simple cases, so it’s there, but will probably fail for more tricky movements.
  • Added grid guide (right click on the video preview).
  • Updated timeline scrolling/scaling behavior on macOS (by @pacoccino)
  • Added support for Senseflow device data (by @HiDream)
  • Added a way to clear trim range (C shortcut)
  • Added a way to disable lens profile updates. You can now delete lens profiles you won’t use and make the startup faster. Then place noupdate file in the lens profile directory
  • Relaxed H.264 resolution restriction allowing to render vertical 2160×3840
  • Added “Created at” to Video information panel
  • Updated macOS icon

🐛 Bug fixes

  • Fixed crash when opening multiple BRAW files
  • Fixed BRAW timeline scrubbing
  • Fixed BRAW preview with OpenCL
  • Fixed rendering on older devices
  • Fixed background color in rendered file
  • Fixed AppImage “Permission denied” error
  • Fixed rendering crash with Intel on Windows
  • Fixed queue progress indicator in some cases (by @pacoccino)
  • Fixed playback slowdown when using video speed keyframes on macOS
  • Fixed rendering to image sequences
  • Fixed gyro data timings with older Insta360 cameras
  • Fixed opening files with non-ascii characters on Android
  • Fixed loading of OpenCamera Sensors csv logs

Ti È Stato Utile Questo Contenuto?

Clicca Su Una Stella Per Esprimere Il Tuo Giudizio!

Voto Medio 4.4 / 5. Votanti Totali: 72

Nessun Voto Al Momento. Perchè Non Voti Per Primo!

Spiacente Che Non Sia Stato Utile Per Te!

Miglioriamo questo contenuto!

Mi Aiuti A Capire? Cosa Non Ti È Piaciuto?