Statistiche

  • 3676050Totale Pagine:
  • 1848893Totale Visitatori:
  • 3164Visite Questo Mese:
  • 274Pagine Ieri:
  • 172Visite Ieri:
  • 212Pagine Oggi:
  • 146Visite Oggi:
  • 11Utenti Collegati:
  • 02/02/2009Partito Dal:

  Top Scaricati

  Forum: Ultimi Messaggi

Interactive Calendar PortableNAMP
Aggiornamento NAMP 2021
EssentialPIM Pro portatile

  Forum: Ultim Argomenti

Interactive Calendar PortableNAMP
EssentialPIM Pro portatile
Glary Utilities portatile
Aggiornamento NAMP 2021
19/05/2022

NAMP

Official Website

Scarica
Aggiornato In Data: 21/01/2022 Dal Peso Di 16,0 | 54,8 Megabytes
Presente Su NAMP: 18/08/2021
...HandBrake Portable 64 bit
Contenuto Scaricato 809 Volte
Freeware / Software Libero
Transcodifica File Video Digitali – Portatili / Pen Drive
Descrizione

Necessita l’installazione di Microsoft .NET Framework 6.0 o superiore.

HandBrake è un Software Libero di transcodifica per file video digitali, multipiattaforma per Linux , macOS e Windows, rilasciato sotto i termini della GNU General Public License Versione 2. Il programma è un’integrazione di molte librerie audio e video di terze parti, sia codec (come FFmpeg, H.264 e H.265) che altri componenti come deinterlacciatori video (denominati “filtri“). Questi vengono raccolti in modo tale da rendere il loro utilizzo più efficace e accessibile (ad esempio, in modo che un utente non debba transcodificare i componenti audio e video di un video in passaggi separati o con l’utilità della riga di comando inaccessibili).

Puoi personalizzare la decodifica in uscita modificando la velocità in bit, la dimensione massima del file o la velocità in bit e la frequenza di campionamento tramite “qualità costante“. Inoltre supporta il deinterlacciamento adattivo, il ridimensionamento, il detelecine e il ritaglio sia automatici che manuali. HandBrake supporta la codifica batch tramite l’interfaccia utente grafica (GUI) e l’ interfaccia della riga di comando (CLI).

Caratteristiche:

-» Filtri video: deinterlacciamento, decomb, denoise, detelecine, deblock, scala di grigi, ritaglio e ridimensionamento.
-» Qualità costante e bitrate medio per la codifica (video bitrate medio)
-» Supporto per bitrate variabile (VBR) e bitrate costante (CBR)
-» Sottotitoli (VobSub, sottotitoli CEA-608, SSA, SRT)
-» Scansione in serie e accodamento delle codifiche
-» Gestione dei contrassegni di capitolo
-» Anteprima statica e video dal vivo
-» Titoli e capitoli

Ingresso

-» BluRay e DVD-Video da disco o immagine ISO
-» Matroska (MKV)
-» Interfoglio audio video (AVI)
-» MPEG-4 Parte 14 (MP4)
-» Flusso di trasporto MPEG (TS)
-» Flusso di trasporto BDAV MPEG-2 (M2TS)

Produzione

Formati contenitore:

-» MPEG-4 Parte 14 (MP4)
-» Video iTunes (M4V)
-» Matroska (MKV)
-» AVI (fino alla versione 0.9.3)

Formati video:

-» H.264 utilizzando x264, Nvidia NVENC, Intel QSV e AMD VCE
-» H.265/HEVC con x265, Nvidia NVENC, Intel QSV e AMD VCE
-» MPEG-4 ASP usando libav
-» MPEG-2 usando libav
-» Theora usa libtheora
-» VP8 e VP9 usando libvpx

Formati audio:

-» Advanced Audio Coding (AAC) utilizzando libav per Windows e Linux o utilizzando CoreAudio in macOS
-» HE-AAC (fino alla versione 0.10.3 per Windows e Linux), utilizzando CoreAudio su macOS
-» AC-3
-» FLAC 16 bit e 24 bit
-» MPEG-1 o MPEG-2 Audio Layer III (MP3)
-» Opus
-» Vorbis
-» Pass-through per AAC, AC-3, DTS, DTS-HD, E-AC-3, FLAC, MP3 e TrueHD

Software Libero

Cos’è Il Software Libero?

Il “Software Libero” è una questione di libertà, non di prezzo. Per capire il concetto, bisognerebbe pensare alla “libertà di parola” e non alla “birra gratis“. Il termine “free” in inglese significa sia gratuito che libero. L’espressione “Software Libero” si riferisce alla libertà dell’utente di eseguire, copiare, distribuire, studiare, cambiare e migliorare il software. Più precisamente, esso si riferisce a quattro tipi di libertà per gli utenti del software:

-» Libertà di eseguire il programma, per qualsiasi scopo (libertà 0).
-» Libertà di studiare come funziona il programma e adattarlo alle proprie necessità (libertà 1). L’accesso al codice sorgente ne è un prerequisito.
-» Libertà di ridistribuire copie in modo da aiutare il prossimo (libertà 2).
-» Libertà di migliorare il programma e distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio (libertà 3). L’accesso al codice sorgente ne è un prerequisito.

Quando si sente parlare di “software libero” (free software), la prima cosa che viene in mente è “gratis“. Per quanto questo sia vero nella maggior parte dei casi, il termine “free software” utilizzato dalla Free Software Foundation (creatori del progetto GNU e della licenza pubblica generale GNU [GNU General Public Licence, GNU GPL]) è da intendere nel senso di “libero” in quanto “in libertà” (“free as in freedom“= libero come in libertà), piuttosto che nel senso “senza costi” (che in genere si riferisca a “free as a free beer“= gratis come una birra gratuita). Il free software in questo senso è quel software che puoi usare, copiare, modificare, ridistribuire senza limiti. Questo contrasta con la licenza di molti software commericiali, dove ti è permesso installare il software su un solo computer, non ti è permesso di copiarlo, e mai vedrai il codice sorgente (source code). Il free software permette incredibili libertà all’utente finale (end user); inoltre, dato che il codice sorgente è disponibile a tutti, c’è molta più possibilità di trovare e correggere eventuali bug.

Quando un programma è rilasciato sotto la licenza GNU General Public Licence (the GPL):

-» si ha il diritto di utilizzare il programma per qualsiasi scopo;
-» si ha il diritto di modificare il programma e avere accesso ai sorgenti;
-» si ha il diritto di copiare e modificare il programma;
-» si ha il diritto di migliorare il programma, e rilasciare la propria versione.

In cambio di questi diritti, si ha qualche responsabilità rilasciando un programma su GPL, responsabilità studiate per proteggere la tua libertà e quella degli altri:

-» Devi distribuire la licenza GPL insieme al programma, in modo che l’utilizzatore sia a conoscenza dei suoi diritti garantiti dalla licenza.
-» Devi distribuire anche il codice sorgente, o fare in modo che sia liberamente accessibile.
-» Se modifichi il codice e rilasci la tua versione del programma, devi rilasciarla sotto GPL e fare in modo che il codice modificato sia liberamente accessibile (non è possibile utilizzare codice GPL in programmi proprietari).
-» Non puoi restringere la licenza del programma entro i termini della GPL (non puoi trasformare un programma GPL in uno proprietario, in altre parole non puoi limitare i diritti garantiti dalla licenza).

AppData

Che Cos’è La Cartella AppData?

La cartella AppData contiene le impostazioni, i file e i dati specifici per le app nel PC. La cartella è nascosta per impostazione predefinita in Esplora file e include tre sottocartelle nascoste: Local, LocalLow e Roaming.

Roaming. Questa cartella ( %appdata% ) contiene dati che possono essere spostati con il tuo profilo utente da un PC a un altro, come in un ambiente con domini, perché questi dati supportano la sincronizzazione con un server. Se accedi a un PC diverso in un dominio, ad esempio, i Preferiti o i segnalibri del Web browser saranno disponibili.

Local. Questa cartella ( %localappdata% ) contiene dati che non possono essere spostati con il tuo profilo utente. Questi dati sono di solito specifici di un PC o troppo grandi per eseguirne la sincronizzazione con un server. I Web browser, ad esempio, archiviano in genere i file temporanei in questa cartella.

LocalLow. Questa cartella ( %appdata%/…/locallow ) contiene dati che non possono essere spostati, ma offre anche un livello di accesso inferiore. Se esegui un Web browser in modalità protetta o provvisoria, ad esempio, l’app sarà in grado di accedere ai dati solo dalla cartella LocalLow.

Sono le app stesse a scegliere se salvare nelle cartelle Local, LocalLow o Roaming. La maggior parte delle app desktop usa la cartella Roaming per impostazione predefinita, mentre la maggior parte delle app di Windows Store usa la cartella Local per impostazione predefinita.

Avviso

Sconsigliamo di spostare, eliminare o modificare file o cartelle all’interno della cartella AppData. Questo tipo di interventi potrebbe compromettere le prestazioni di esecuzione delle app oppure impedirne del tutto l’esecuzione.

(Che cos’è la cartella AppData? Informazioni Prelevate Dal Sito Ufficiale Microsoft)

Applicazioni Setup E Soprattutto Portable.

C:\Users\Nome Utente PC\AppData\Roaming

Dove leggi “Nome Utente PC” inserisci il nome utente che utilizzi sul tuo computer. ALBERCLAUS è nome utente utilizzato nel mio PC.

Se il nome utente sul tuo computer è NiCo, ad esempio, allora il tuo percorso è il seguente: C:\Users\NiCo\AppData\Roaming

Per aprire la cartella “AppData“:

1) Clicca sopra il pulsante Start in basso a sinistra nella barra di Windows.

2) Digita (o copia inserendo il tuo nome utente) in “Cerca programmi e file“: C:\Users\Nome Utente PC\AppData\Roaming oppure copia ed incolla questo: %appdata%

3) Clicca sopra il tasto “Invio” dalla tastiera.

4) Clicca con il puntatore del mouse sopra la cartella Roaming che ti apparirà in alto nell’elenco dei risultati.

5) Aperta la cartella Roaming esegui il Copia “salvando” la cartella del programma Portable che utilizzi (oppure del programma setup).

Modifiche Ufficiali: Changes – HandBrake 1.4.2 – 10/01/2022 

– The Windows UI is now .NET 6.0 only. (.NET 5.0 is no longer additionally required)