Statistiche

  • 3676057Totale Pagine:
  • 1848897Totale Visitatori:
  • 3168Visite Questo Mese:
  • 274Pagine Ieri:
  • 172Visite Ieri:
  • 219Pagine Oggi:
  • 150Visite Oggi:
  • 14Utenti Collegati:
  • 02/02/2009Partito Dal:

  Top Scaricati

  Forum: Ultimi Messaggi

Interactive Calendar PortableNAMP
Aggiornamento NAMP 2021
EssentialPIM Pro portatile

  Forum: Ultim Argomenti

Interactive Calendar PortableNAMP
EssentialPIM Pro portatile
Glary Utilities portatile
Aggiornamento NAMP 2021
19/05/2022

NAMP

Official Website

Huawei Introduce Il Nuovo Sistema Operativo HarmonyOS

09/08/2019 – Oggi si è aperta la Huawei Developers Conference 2019, durante la quale la società ha introdotto il suo sistema operativo: HarmonyOS (i media cinesi lo chiamano “Hong Meng”). La sua particolarità è l’uso gratuito da parte di tutti, in quanto sarà distribuito con una licenza aperta. Una caratteristica di HarmonyOS è il cosiddetto microkernel. Secondo Mr. Yu Chengdong (Richard Yu), direttore generale della Huawei Consumer Business Group, Android ha 100 milioni di righe di codice, il codice centrale del sistema operativo è di oltre 20 milioni di righe. Ma in realtà non viene utilizzato più dell’8%. Ciò influisce sulla flessibilità del sistema operativo e sulla sua reattività. Pertanto, nel suo sistema operativo, Huawei ha fatto il contrario: il microkernel “compatto” è responsabile delle funzionalità di base e tutto il resto è implementato attraverso i moduli. Ciò rende HarmonyOS facile da usare su qualsiasi dispositivo pur mantenendo l’alta velocità e reattività. Ad esempio, uno smartphone e un sistema multimediale per autovetture suggeriscono casi d’uso completamente diversi, quindi non è necessario creare un sistema operativo ingombrante per tutto: un microkernel comune e moduli sono separati per ogni campo di applicazione. Tale organizzazione di OS si chiama architettura distribuita.

HarmonyOS farà ampio uso della virtualizzazione per la compatibilità con una varietà di applicazioni e linguaggi di programmazione dal compilatore Ark. HarmonyOS è anche compatibile con Linux, Unix e Android, quindi gli sviluppatori di software per questi sistemi non dovrebbero avere problemi a scrivere per il Sistema Operativo Huawei.

HarmonyOS dovrebbe essere sicuro. Per fare ciò, utilizza il Trusted Execution Environment con il metodi di verifica formale anziché funzionale per le simulazioni di attacchi. Come è giù noto, quest’ultimi sono adatti solo per casi d’uso con delle limitazioni, mentre la verifica formale consente l’uso di modelli di dati digitali.

Per quanto riguarda la reattività, HarmonyOS utilizza un sistema di ritardi deterministici per migliorarlo. Il suo meccanismo stabilisce le priorità per il completamento delle attività: le risorse sono assegnate alle attività con priorità più elevate, riducendo così la latenza di risposta delle applicazioni del 25,7%.

Inizialmente (quest’anno), HarmonyOS sarà utilizzato solo su smart TV Huawei ed Honor. Nel 2020, l’ecosistema di soluzioni hardware con supporto HarmonyOS si espanderà fino a includere laptop, orologi intelligenti e bracciali. HarmonyOS 3.0 sarà rilasciato nel 2021 e supporterà altoparlanti intelligenti e sistemi multimediali per autovetture. Per quanto riguardano gli Smartphone al momento non ci sono notizie al riguardo. A quanto pare sono al secondo stadio dell’espansione dell’ecosistema.

Finora questi sono i primi dettagli su HarmonyOS. Dopo la conferenza stampa, verranno visualizzate ulteriori informazioni e, come previsto, verranno denominati i primi dispositivi Huawei che eseguiranno HarmonyOS.