Statistiche

  • 3676059Totale Pagine:
  • 1848898Totale Visitatori:
  • 3169Visite Questo Mese:
  • 274Pagine Ieri:
  • 172Visite Ieri:
  • 221Pagine Oggi:
  • 151Visite Oggi:
  • 14Utenti Collegati:
  • 02/02/2009Partito Dal:

  Top Scaricati

  Forum: Ultimi Messaggi

Interactive Calendar PortableNAMP
Aggiornamento NAMP 2021
EssentialPIM Pro portatile

  Forum: Ultim Argomenti

Interactive Calendar PortableNAMP
EssentialPIM Pro portatile
Glary Utilities portatile
Aggiornamento NAMP 2021
19/05/2022

NAMP

Official Website

Scarica
Aggiornato In Data: 09/01/2022 Dal Peso Di 175 Megabytes
Presente Su NAMP: 15/05/2020
...MAME + 53 Roms Portable 64 bit
Contenuto Scaricato 2187 Volte
Freeware / Software Libero
Emulatore Giochi Arcade Varie Piattaforme – Portatili / Pen Drive
Descrizione

MAME Development Team:

MAME È Un Framework Di Emulazione Multiuso

Lo scopo di MAME è preservare decenni di storia del software. Mentre la tecnologia elettronica continua ad andare avanti, MAME impedisce a questo importante software “vintage” di essere perso e dimenticato. Ciò si ottiene documentando l’hardware e come funziona. Il codice sorgente di MAME funge da questa documentazione. Il fatto che il software sia utilizzabile serve principalmente a convalidare l’accuratezza della documentazione (in quale altro modo è possibile dimostrare di aver ricreato fedelmente l’hardware?). Nel corso del tempo, MAME (originariamente significa Multiple Arcade Machine Emulator) ha assorbito il progetto gemello MESS (Multi Emulator Super System), quindi MAME ora documenta un’ampia varietà di computer (principalmente vintage), console di videogiochi e calcolatrici, oltre ai videogiochi arcade che erano al centro dell’attenzione.

Il progetto MAME nel suo insieme è distribuito secondo i termini della GNU General Public License versione 2 (GPL-2.0), poiché contiene codice reso disponibile con più licenze compatibili GPL. La grande maggioranza dei files (oltre il 90% inclusi i files core) è sotto licenza BSD-3-Clause e incoraggiamo i nuovi collaboratori a distribuire i file con questa licenza.

Tieni presente che MAME è un marchio registrato di Gregory Ember e per utilizzare il nome, il logo o il marchio denominativo “MAME” è necessaria l’autorizzazione.

================================================================================================================================

MAME (acronimo di Multiple Arcade Machine Emulator) è un Software Libero in grado di emulare varie piattaforme di gioco arcade, sviluppato dapprima su Amiga, ma pubblicato inizialmente solo su MS-DOS nel 1997 e in seguito convertito per quasi tutte le macchine e sistemi operativi in circolazione. Lo scopo di tale emulazione è quello di documentare il funzionamento dei coin-op, preservare la storia dei videogiochi e di prevenire la scomparsa di vecchie rarità una volta che le macchine originali abbiano cessato di funzionare per motivi di obsolescenza.

Storia

Il primo autore del progetto è stato Nicola Salmoria, che ha iniziato a lavorare all’emulatore il 24 dicembre 1996. Salmoria aveva avuto l’idea di unire più emulatori trovati in rete (tra i quali un primitivo emulatore di Pac Man) in un unico programma in grado di eseguire più giochi. La prima versione, la 0.1, è stata pubblicata il 5 febbraio 1997; funzionante in ambiente MS-DOS da riga di comando, questa versione è in grado di eseguire cinque titoli. In breve tempo il progetto ha cominciato ad attirare l’attenzione di altri sviluppatori, che hanno iniziato a collaborare inserendo nuovi driver per il funzionamento dei videogiochi, grazie ad una peculiare architettura del codice sorgente.

Nel 1997 è cominciato lo sviluppo parallelo di MAME32, una versione adattata all’ambiente Windows a 32 bit con l’aggiunta di una GUI (interfaccia grafica) che ne facilita notevolmente l’utilizzo, soprattutto per chi non conosce i comandi DOS.

Nel 1998 la versione 0.34 raggiunge la quota dei 1000 titoli supportati. Dal 2001 la versione ufficiale del MAME non viene più sviluppata sotto DOS ma sotto Microsoft Windows, sempre senza interfaccia grafica, come programma a riga di comando. L’ultima versione stabile di MAME è la 0.215, pubblicata il 30 ottobre 2019: sono supportati oltre 12.000 titoli, 35.000 contando anche i vari cloni. Dal 2015 il progetto MAME ed il progetto MESS si sono fusi in un solo progetto mantenendo il nome MAME ma con la possibilità di compilare solo la parte arcade o quella MESS. Dal 30 novembre 2016 (versione 0.180) il progetto è coordinato da Vas Crabb.

Funzionamento

MAME è composto da varie parti in grado di emulare completamente le architetture tipiche delle macchine arcade che ad esempio si trovavano nei bar e nelle sale giochi. In pratica MAME ricostruisce via software tutte quelle circuiterie interne che permettono di gestire gli input dei joystick, la gestione del monitor e dei riproduttori di suoni. L’unica cosa che manca è la parte software delle macchine, cioè le ROM originali dei giochi, che per motivi di copyright non possono essere distribuite legalmente.

Fanno eccezione, al momento, alcuni titoli per i quali è stato concesso espressamente il permesso di distribuzione da parte dei detentori del copyright: in particolare Gridlee della Videa, Robby Roto di Bally/Midway, Alien Arena di Duncan Brown e una serie di 11 giochi prodotti da Exidy, per i quali il produttore ha concesso la libera distribuzione per scopi non commerciali. Anche la Gaelco ha “liberato” il suo World Rally.

Architettura

Da un punto di vista logico MAME può essere diviso in 3 livelli:

  • -» Il primo livello si occupa dell’emulazione dell’hardware vero e proprio.
  • -» Il secondo livello contiene tutte le funzioni generali e i moduli che fanno da collante tra il primo e il terzo livello.
  • -» Il terzo livello è quello che “presenta” l’emulatore all’utente. È composto dall’interfaccia grafica (se presente) e da tutte quelle opzioni che permettono di avviare e pilotare l’emulatore.

I primi due livelli sono scritti in C in modo da avere maggior velocità e portabilità. Nessuna libreria esterna è richiesta e questo codice è compilabile per qualunque piattaforma da un compilatore standard, praticamente senza modifica alcuna. Il terzo livello è definito OSD (Operating System Dependent) e contiene tutto quel codice specifico per le varie piattaforme. Tutte le varie chiamate di sistema di Windows o di Linux si trovano in questo livello permettendo una facile migrazione del codice da una piattaforma all’altra modificando solo questo livello.

ROMs

In quasi tutti i giochi arcade i dati (software, grafica, audio, ecc.) sono memorizzati in chip di memoria di sola lettura (Read Only Memory, ROM) sebbene in alcuni casi siano utilizzati anche floppy disk, CD-ROM o cassette. I dati contenuti in questi supporti vengono letti e riscritti in file contenenti l’esatta copia del chip da cui provengono attraverso un processo chiamato dumping. Tali file (indipendentemente dal supporto dal quale provengono) vengono chiamati ROM. Solitamente un gioco è composto da più ROM (alcune per l’audio, alcune per la grafica, ecc.). L’insieme di tutte le ROM di un gioco prende il nome di ROM Set.

Il MAME gestisce i ROM Set in 2 modi: file CHD (Compressed Hunks of Data) che contengono le immagini compresse di hard disk o compact disc oppure file ZIP contenenti tutte le ROM.

ROM Set

I ROMSet sono gruppi di immagini delle ROM che compongono lo stesso gioco. Ci sono 3 tipi principali di ROM Set:

  • -» ROM Set Originale: anche chiamato ROM Set Parent, questo set contiene tutte le ROM del gioco che il team di sviluppo del MAME ha definito come originale (alcune volte è la versione più recente e completa del gioco, altre volte è la prima e più tradizionale, altre volte ancora è la versione mondiale o la più famosa). Le ROM di questo set contengono tutte le informazioni per lanciare il gioco.
  • -» ROM Set Clone: sono varianti dei giochi originali, per esempio versioni precedenti o successive o localizzate, che usano svariate ROM identiche ad altre versioni dello stesso gioco. Per risparmiare spazio queste ROM duplicate vengono incluse una sola volta nel set Parent, mentre il set Clone contiene solamente le ROM che lo distinguono dalle altre edizioni del gioco.
  • -» BIOS ROM Set: non sono veri e propri giochi, contengono delle ROM necessarie ad altri giochi per poter essere eseguiti. Il BIOS (Basic Input/Output System) è un insieme di routine di base che gestiscono le varie componenti hardware della macchina del gioco. Queste immagini sono particolarmente importanti per sistemi che supportano più giochi quali il Neo Geo.

Requisiti di sistema

MAME è scritto in C/C++ abbastanza generico ed è stato portato su numerose piattaforme. Nel tempo, con l’evolversi dell’hardware del computer, anche il codice MAME si è evoluto per sfruttare la maggiore potenza di elaborazione e le capacità hardware offerte.

I binari MAME ufficiali sono compilati e progettati per funzionare su un sistema standard basato su Microsoft Windows.

Requisiti Minimi:

-» Sistema operativo a 32-64 bit (Vista SP1/7/8/10, Linux e MAC)
-» CPU serie Intel Core o equivalenti, almeno 2,0 GHz
-» 4 GB di RAM
-» DirectX 9.0c per Windows
-» Una scheda grafica compatibile con la Direct3D o OpenGL
-» Qualsiasi scheda audio compatibile con DirectSound

Software Libero

Cos’è Il Software Libero?

Il “Software Libero” è una questione di libertà, non di prezzo. Per capire il concetto, bisognerebbe pensare alla “libertà di parola” e non alla “birra gratis“. Il termine “free” in inglese significa sia gratuito che libero. L’espressione “Software Libero” si riferisce alla libertà dell’utente di eseguire, copiare, distribuire, studiare, cambiare e migliorare il software. Più precisamente, esso si riferisce a quattro tipi di libertà per gli utenti del software:

-» Libertà di eseguire il programma, per qualsiasi scopo (libertà 0).
-» Libertà di studiare come funziona il programma e adattarlo alle proprie necessità (libertà 1). L’accesso al codice sorgente ne è un prerequisito.
-» Libertà di ridistribuire copie in modo da aiutare il prossimo (libertà 2).
-» Libertà di migliorare il programma e distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio (libertà 3). L’accesso al codice sorgente ne è un prerequisito.

Quando si sente parlare di “software libero” (free software), la prima cosa che viene in mente è “gratis“. Per quanto questo sia vero nella maggior parte dei casi, il termine “free software” utilizzato dalla Free Software Foundation (creatori del progetto GNU e della licenza pubblica generale GNU [GNU General Public Licence, GNU GPL]) è da intendere nel senso di “libero” in quanto “in libertà” (“free as in freedom“= libero come in libertà), piuttosto che nel senso “senza costi” (che in genere si riferisca a “free as a free beer“= gratis come una birra gratuita). Il free software in questo senso è quel software che puoi usare, copiare, modificare, ridistribuire senza limiti. Questo contrasta con la licenza di molti software commericiali, dove ti è permesso installare il software su un solo computer, non ti è permesso di copiarlo, e mai vedrai il codice sorgente (source code). Il free software permette incredibili libertà all’utente finale (end user); inoltre, dato che il codice sorgente è disponibile a tutti, c’è molta più possibilità di trovare e correggere eventuali bug.

Quando un programma è rilasciato sotto la licenza GNU General Public Licence (the GPL):

-» si ha il diritto di utilizzare il programma per qualsiasi scopo;
-» si ha il diritto di modificare il programma e avere accesso ai sorgenti;
-» si ha il diritto di copiare e modificare il programma;
-» si ha il diritto di migliorare il programma, e rilasciare la propria versione.

In cambio di questi diritti, si ha qualche responsabilità rilasciando un programma su GPL, responsabilità studiate per proteggere la tua libertà e quella degli altri:

-» Devi distribuire la licenza GPL insieme al programma, in modo che l’utilizzatore sia a conoscenza dei suoi diritti garantiti dalla licenza.
-» Devi distribuire anche il codice sorgente, o fare in modo che sia liberamente accessibile.
-» Se modifichi il codice e rilasci la tua versione del programma, devi rilasciarla sotto GPL e fare in modo che il codice modificato sia liberamente accessibile (non è possibile utilizzare codice GPL in programmi proprietari).
-» Non puoi restringere la licenza del programma entro i termini della GPL (non puoi trasformare un programma GPL in uno proprietario, in altre parole non puoi limitare i diritti garantiti dalla licenza).

AppData

Che cos’è La Cartella AppData?

La cartella AppData contiene le impostazioni, i file e i dati specifici per le app nel PC. La cartella è nascosta per impostazione predefinita in Esplora file e include tre sottocartelle nascoste: Local, LocalLow e Roaming.

Roaming. Questa cartella ( %appdata% ) contiene dati che possono essere spostati con il tuo profilo utente da un PC a un altro, come in un ambiente con domini, perché questi dati supportano la sincronizzazione con un server. Se accedi a un PC diverso in un dominio, ad esempio, i Preferiti o i segnalibri del Web browser saranno disponibili.

Local. Questa cartella ( %localappdata% ) contiene dati che non possono essere spostati con il tuo profilo utente. Questi dati sono di solito specifici di un PC o troppo grandi per eseguirne la sincronizzazione con un server. I Web browser, ad esempio, archiviano in genere i file temporanei in questa cartella.

LocalLow. Questa cartella ( %appdata%/…/locallow ) contiene dati che non possono essere spostati, ma offre anche un livello di accesso inferiore. Se esegui un Web browser in modalità protetta o provvisoria, ad esempio, l’app sarà in grado di accedere ai dati solo dalla cartella LocalLow.

Sono le app stesse a scegliere se salvare nelle cartelle Local, LocalLow o Roaming. La maggior parte delle app desktop usa la cartella Roaming per impostazione predefinita, mentre la maggior parte delle app di Windows Store usa la cartella Local per impostazione predefinita.

Avviso

Sconsigliamo di spostare, eliminare o modificare file o cartelle all’interno della cartella AppData. Questo tipo di interventi potrebbe compromettere le prestazioni di esecuzione delle app oppure impedirne del tutto l’esecuzione.

(Che cos’è la cartella AppData? Informazioni Prelevate Dal Sito Ufficiale Microsoft)

Applicazioni Setup E Soprattutto Portable.

C:\Users\Nome Utente PC\AppData\Roaming

Dove leggi “Nome Utente PC” inserisci il nome utente che utilizzi sul tuo computer. ALBERCLAUS è nome utente utilizzato nel mio PC.

Se il nome utente sul tuo computer è NiCo, ad esempio, allora il tuo percorso è il seguente: C:\Users\NiCo\AppData\Roaming

Per aprire la cartella “AppData“:

1) Clicca sopra il pulsante Start in basso a sinistra nella barra di Windows.

2) Digita (o copia inserendo il tuo nome utente) in “Cerca programmi e file“: C:\Users\Nome Utente PC\AppData\Roaming oppure copia ed incolla questo: %appdata%

3) Clicca sopra il tasto “Invio” dalla tastiera.

4) Clicca con il puntatore del mouse sopra la cartella Roaming che ti apparirà in alto nell’elenco dei risultati.

5) Aperta la cartella Roaming esegui il Copia “salvando” la cartella del programma Portable che utilizzi (oppure del programma setup).