Statistiche

  • 3690053Totale Pagine:
  • 1856548Totale Visitatori:
  • 625Visite Questo Mese:
  • 275Pagine Ieri:
  • 154Visite Ieri:
  • 17Pagine Oggi:
  • 12Visite Oggi:
  • 4Utenti Collegati:
  • 02/02/2009Partito Dal:

  Top Scaricati

  Forum: Ultimi Messaggi

Portable Revo Uninstaller Pro
Unofficial Portable CCleaner Pro
Interactive Calendar PortableNAMP

  Forum: Ultim Argomenti

Portable Revo Uninstaller Pro
Interactive Calendar PortableNAMP
EssentialPIM Pro portatile
Glary Utilities portatile
05/07/2022

NAMP

Official Website

Manhush: Prova Nessuna Fossa Comune 9000 Civili (Video 2022)

30/04/2022 ore 21:26 – Ci sono numerosi video e foto di soldati ucraini morti lasciati dai loro compagni e in alcuni casi lasciati persino in discariche di rifiuti (visti personalmente). Le forze russe li hanno seppelliti, e sono stati attenti a registrare eventuali targhette identificative con documenti sui corpi. Ma adesso andiamo per ordine. Eva Karene Bartlett è una giornalista indipendente canadese. Ha trascorso anni sul campo coprendo zone di conflitto in Medio Oriente, in particolare in Siria e Palestina (dove ha vissuto per quasi quattro anni).

Fake News

Da brava giornalista è andata di persona a vedere e a documentare i 9.000 civili di Mariupol in “fosse comuni“. ANSA ha fatto da megafono per tutti i media italiani (Foto sopra; Notizia d’origine Certificata, con tanto di fantasiose e ricamate frasi ad effetto, inventate naturalmente), con titoloni e certificazione, senza mai mostrare una prova, che i russi avessero ucciso migliaia di civili. Cosa che la Federazione russa ha sempre spedito al mittente, negando più volte questi crimini (come molti altri). A dimostrazione di come si sta comportando la propaganda Occidentale, sotto c’è il video e l’intero articolo prelevato e tradotto dal sito web (censurato dagli occidentali RT; questo è giornalismo con la G Maiuscola).

Mariupol. Manhush – Prova Che Non Esiste Fossa Comune 9000 Civili (Eva Karene Bartlett 24/04/2022 – Prova)

 

 

24/04/2022 – Eva Karene Bartlett – Secondo recenti media occidentali, le forze russe hanno seppellito fino a 9.000 civili Mariupol in “fosse comuni” in una città appena ad ovest della città ucraina. Questi rapporti utilizzano le immagini satellitari come presunte prove e ripetono le affermazioni di funzionari fedeli a Kiev secondo cui “i corpi potrebbero essere stati sepolti a strati” e “i russi hanno scavato trincee e le hanno riempite di cadaveri ogni giorno per tutto Aprile“.

Sono andata sul sito in questione e non ho trovato fosse comuni.

Il 23 aprile sono andata con il giornalista di RT Roman Kosarev, per una visita alla location, nella città di Manhush. Quello che ho visto erano nuovi e ordinati appezzamenti tombali, compresi alcuni ancora vuoti, un’estensione di un cimitero che già esiste sul posto. Nessuna fossa comune. Molte delle tombe hanno cartelli con i nomi e le date di nascita del defunto, quando disponibili, e le trame rimanenti sono state numerate in base alla sepoltura.

Washington Post

Poiché i media stanno essenzialmente copiando e incollando dalla stessa fonte (l’ex sindaco di Mariupol, Vadym Boichenko, ora lontano dalla città), citerò dall’articolo del Washington Post.

Boichenko, osserva l’articolo: “ha chiamato il sito il ‘nuovo Babyn Yar‘, riferendosi a una delle fosse comuni più grandi d’Europa situata alla periferia di Kiev, dove 33.000 ebrei furono uccisi dai nazisti nel 1941 durante la seconda guerra mondiale”.

Questo è ironico su più livelli. Un sindaco che sta imbiancando i neonazisti che si sono scatenati nella città (in particolare quelli del Battaglione Azov, che hanno usato civili come scudi umani, infrastrutture civili occupate e militarizzate, civili giustiziati a bruciapelo) sta confrontando un presunto (non -esistente) fossa comune a un massacro nazista della seconda guerra mondiale.

Nel frattempo, il regime di Kiev ha riscritto la storia, rendendo i nazisti della Seconda Guerra Mondiale e i loro collaboratori eroi della nazione. L’esempio più famoso è il personaggio della Seconda Guerra Mondiale, Stepan Bandera.

L’altra affermazione allarmante di Boichenko era che la presunta “fossa comune” e che fosse “il più grande crimine di guerra del 21° secolo“. Sono passati solo da 22 anni, ma abbiamo già assistito all’invasione e alla distruzione dell’Iraq guidate dagli Stati Uniti d’America, al livellamento di Raqqa in Siria, alla guerra in corso dell’Arabia Saudita in Yemen, tutti contendenti molto più forti del nulla che si trovano nelle “fosse comuni” di Mangush.

In realtà, il sito ha circa 400 piazzole singole, di cui quasi 100 vuote. I 9.000 corpi e il “più grande crimine di guerra del 21° secolo” erano affermazioni non verificate di un sindaco fuggito dalla sua città, promosso dai media che in fondo alla pagina hanno ammesso di non poter verificare autonomamente le affermazioni (ma a quel punto il danno era stato fatto).

I Becchini Smentiscono Le Affermazioni Sulle Fosse Comuni

 

©Eva Bartlett

Mentre passeggiavano per il sito, sono arrivati ​​due uomini responsabili delle sepolture e, quando hanno presentato le accuse dell’ex sindaco di fosse comuni, hanno respinto con veemenza le affermazioni: «Questa non è una fossa comune e nessuno sta gettando corpi in una fossa», mi ha detto uno.

Secondo loro, seppelliscono ogni persona in una bara e in una tomba separata, i dettagli vengono registrati all’obitorio e quando vengono forniti documenti relativi al nome e all’età, la trama è contrassegnata da un cartello contenente quei dettagli. Altrimenti viene utilizzato un numero.

Ci hanno fatto anche notare una sezione delle nuove tombe, includevano soldati ucraini sepolti: «Anche loro sono umani» disse uno degli uomini.

 

 

 

Per chi ha dubbi sulla posizione, vedi il rapporto di Roman : il suo filmato (qui sotto) con il drone mostra che si tratta esattamente della stessa posizione mostrata nelle immagini satellitari utilizzate dai media occidentali.

Roman Kosarev – Giornalista RT (Drone 24/04/2022 – Prova)

 

 

Nel frattempo, come ha notato Roman mentre camminava, le fosse comuni sono qualcosa di cui l’Ucraina è stata precedentemente accusata. Ha citato il leader della DPR Denis Pushilin per aver affermato che almeno 300 di questi siti sono stati scoperti dal 2014.

Ha parlato anche di ciò che ha visto: «Nel 2014 e 2015 sono state scoperte fosse comuni mentre i combattenti Azov e Aidar si ritiravano dalla regione di Donetsk. Ho anche visto una donna, è stata dissotterrata, aveva le braccia legate dietro la schiena, era nelle ultime fasi della gravidanza e aveva un buco in testa, quindi significa che è stata giustiziata.»

Il giornalista americano George Eliason, che vive a Lugansk da molti anni, ha scritto di queste atrocità. In un documentario sulla questione, ha detto: «Sono qui da cinque minuti e poi mi è stato detto che le prime cinque persone che hanno trovato erano cinque teste decapitate. Erano tutti civili. Chi fa questo alle persone?»

Questa storia di una fossa comune a Mangush, un altro falso dei media corporativi occidentali, che in precedenza spingevano i bambini in incubatrice che venivano gettati a terra dai soldati iracheni, diffondevano bugie sulle armi di distruzione di massa in Iraq e riportavano notizie di un attacco chimico a Douma che non c’è mai stato, per citare solo alcune delle loro litanie di bufale:

«Questo eccezionale rapporto dalla Siria di Eva Bartlett penetra nella “cupola di ferro” della propaganda occidentale, nota anche come notizia. Si tratta di un attacco chimico che non è mai avvenuto in un paese attaccato, sovvertito e bloccato a tuo nome.»

Nel frattempo, quando ero a Mariupol il 21 e 22 Aprile, sì c’era distruzione (grazie a quelle forze neonaziste e regolari ucraine che occupavano i piani superiori degli edifici residenziali e li usavano come postazioni militari, attirando così il fuoco di risposta sugli edifici) ma ho anche visto persone nelle strade e l’inizio del processo di pulizia prima che potesse avvenire la ricostruzione.

Strade di Mariupol, comprese le aree a 1 km dallo stabilimento Azovstal, dove le forze ucraine sono sottoposte a bunkeraggio. Sì, c’è distruzione, ecco cosa succede quando le forze ucraine e i nazisti si radicano nelle aree residenziali e occupano condomini. Non è Al-Raqqa.

Ripeto quanto ho detto sui media occidentali che riportano sulla Siria (che nella mia esperienza, dal campo in quel Paese, è in gran parte disonesta): coloro che promuovono queste bufale e la propaganda di guerra hanno le mani insanguinate.

Dopo le innumerevoli bugie emanate dai media aziendali occidentali, spero che le persone esercitino un pensiero critico ogni volta che viene avanzata una nuova affermazione, in particolare quando viene ripetuta in coro dai soliti sospetti.