Statistiche

  • 3676072Totale Pagine:
  • 1848904Totale Visitatori:
  • 3175Visite Questo Mese:
  • 274Pagine Ieri:
  • 172Visite Ieri:
  • 234Pagine Oggi:
  • 157Visite Oggi:
  • 14Utenti Collegati:
  • 02/02/2009Partito Dal:

  Top Scaricati

  Forum: Ultimi Messaggi

Interactive Calendar PortableNAMP
Aggiornamento NAMP 2021
EssentialPIM Pro portatile

  Forum: Ultim Argomenti

Interactive Calendar PortableNAMP
EssentialPIM Pro portatile
Glary Utilities portatile
Aggiornamento NAMP 2021
19/05/2022

NAMP

Official Website

WordPress v5.9.1 Italiano

Scarica
Microsoft SQL
Aggiornato In Data: 23/02/2022 Dal Peso Di 20,1 Megabytes
Presente Su NAMP: 16/03/2012
...WordPress Italiano Ufficiale
Contenuto Scaricato 2692 Volte
Freeware / Software Libero
Piattaforma Applicazione Sito-Blog Web
Descrizione
WordPress è una piattaforma di “personal publishing” e content management system (CMS), scritta in PHP e che usa come database MySQL o Microsoft SQL Server, che consente la creazione di un sito internet formato da contenuti testuali o multimediali, facilmente gestibili ed aggiornabili. Creata da Matt Mullenweg, è distribuita con la licenza GNU General Public License.Ogni versione del programma è dedicata ad un musicista jazz.WordPress supporta un solo blog per installazione, ma ne esiste anche una versione multi-utente, WordPress MU, anch’essa distribuita con la stessa licenza. Dalla versione 3.0 WordPress MU non esiste più e tutte le funzionalità sono state inglobate in WordPress nella modalità Network.

Caratteristiche:

-» Estensione delle funzionalità tramite plugin;
-» Disponibilità di migliaia di temi gratuiti per personalizzare l’aspetto del blog;
-» Gestione delle pagine a template;
-» URL permanenti che aiutano l’ottimizzazione nei motori di ricerca;
-» Gestione delle categorie;
-» Funzioni di Trackback e Pingback;
-» Editor WYSIWYG per la formattazione dei testi;
-» Creazione di pagine statiche;
-» Supporto multi-autori;
-» Log degli utenti che visitano il blog;
-» Blocco di utenti in base all’indirizzo ip;
-» Possibilità di specificare meta-tag;
-» Dalla versione 2.7 è presente un sistema di aggiornamento automatico.

Requisiti Installazione:

Suggeriamo i server che girano con la versione 7.4 o superiore di PHP e la versione di MySQL 5.6 o superiore OPPURE la versione di MariaDB 10.1 o superiore.
Consigliamo Apache o Nginx come opzioni affidabili e robuste per l’esecuzione di WordPress, ma non sono richiesti nessuno dei due, e nessuna delle due opzioni è obbligatoria.

Plug-in


Il Plugin (addon o add-on) è un estensione di un applicativo che permette l’utilizzo di nuove funzioni e viene creato da terzi, in questo caso dalla comunità di utenti WordPress. Può appartenere a categorie utilità, grafica, performance, sicurezza. Solitamente il plugin è gratuito, ma come accade per alcuni software, può essere rilasciato con funzionalità limitate solo fino al momento dell’acquisto. In questo articolo saranno inseriti link diretti a WordPress plugins ufficiali completamente gratuiti con dettagliate descrizioni. Comunque sia, non è detto che un plugin funzioni su WordPress non aggiornato così come non è detto che venga mantenuto nel tempo con degli aggiornamenti.

9 Plugin WorPress Consigliati Da MP.

(1) AVH Extended Categories Widgets:

Questo plugin inserisce nei Widget le categorie dei tuoi contenuti. Ti permette di visualizzare il numero esatto di articoli per categoria.

Una volta installato ed attivato recati in Aspetto/Widget e trascina la voce AVH Extended Categories Widget nella barra laterale che preferisci. Se hai creato articoli suddivisi per categorie in precedenza inserisci il segno di spunta in: Show selected categories only, Show post counts, Hide empty categories. Se poi ti interessa visualizzare gli RSS Feed inserisci la spunta anche li. Per ogni trascinamento di AVH Extended Categories Widget creerai nuove widget indipendenti l’uno dall’altro. Non mettere il segno di spunta su All Categories, ciò vuol dire che comprenderà articoli da te pubblicati ma non inseriti in categoria.

===================================================================

(2) Count Per Day:

Questo plugin ha dell’incredibile! È un contatore di visite che non necessita di servizi esterni. Leggero sul tuo WordPress, non hai più bisogno di siti esterni per avere delle statistiche complete (browser visitato e nazionalità). È tradotto in molte lingue (compreso l’italiano). È un plug-in davvero semplice ed intuitivo da settare. Ti permette di decidere se far visualizzare le statistiche, oltre all’amministratore, agli utenti iscritti. Inoltre, è possibile aggiungere il modulo Count Per Day nel Widget (altamente personalizzabile sia l’ordine delle voci sia il numero). Count Per Day, per terminare in bellezza, ti permette di fornire la data di partenza ed eventuale numero di visitatori (se hai utilizzato un contatore statistiche esterno antecedente a Count Per Day puoi inserire il numero).

Caratteristiche Widget:

-» Contatore Partito Dal (Il contatore parte dal);
-» Totale Visitatori (Totale visitatori);
-» Totale Pagine (Totale letture);
-» Visitatori Questo Mese (Visitatori per mese);
-» Visitatori Ieri (Ieri);
-» Visitatori Oggi (Oggi);
-» Visite La Scorsa Settimana (La scorsa settimana);
-» Visto Questo Articolo (Questo articolo);
-» Visitatori Media Al Giorno (Visitatori per giorno);
-» Pagine Visitate Ieri (Letture di ieri);
-» Pagine Visitate Oggi (Letture odierne);
-» Pagine Viste Scorsa Settimana (Lettura scorsa settimana);
-» Pagine Viste Mese Scorso (Letture scorso mese);
-» Utenti Attualmente In Linea (Utenti attualmente in linea).

Le voci prima delle parentesi nominate dal sottoscritto. Nelle parentesi ( etc.. ) le voci originali del plug-in.

====================================================================

(3) GD Star Rating:

Completo di tutto, questo plugin ti permette di far votare i tuoi articoli. Può essere impostato in tutte le sue forme dal pannello amministratore. Non devi ogni volta metter mano nelle impostazioni o aggiungere negli articoli la possibilità di votare perchè lo farà in automatico al momento che pubblicherai un nuovo articolo. Esiste comunque la possibilità di decidere se inserire la votazione tramite la configurazione del plugin e dal pannello di scrittura in fase di pubblicazione del tuo articolo. Puoi impostare il numero di votazione da 1 a 5 oppure da 1 a 10. Puoi decidere se ogni utente nel sito può votare ad ogni ingresso (indirizzo ip) o far trascorrere del tempo prima che possa rifarlo. E’ personalizzabile graficamente attraverso vari set icone e tipo di colori. Puoi anche decidere la posizionare del Rating negli articoli visibile prima o dopo.

====================================================================

(4) CKEditor For WordPress:

CKEditor è un editor di testo per essere utilizzato all’interno di pagine web. Si tratta di un editor WYSIWYG, il che significa che il testo in corso di modifica appare il più simile possibile a quello che verrà visualizzato dagli utenti. Ha caratteristiche comuni di editing web che si trovano su applicazioni desktop di editing comuni come Microsoft Word e OpenOffice. Interfaccia plugin inglese, ma localizzato nella lingua in uso su WordPress. Cosa vuol dire? Riconosce la lingua di appartenza del sito web. Questo vuol dire che è multilingua, compresa la lingua italiana.

Per ulteriori informazioni, problemi e supporto: Sito ufficiale

Come inserire nuove emoticons: Accedi

Cratteristiche:

-» Sostituisce l’editor predefinito di WordPress;
-» Scelta dell’editor integrato anche nei commenti;
-» Supporta caricatore file manager;
-» Integrazione per Quicktags Viper Video;
-» Integrazione per Wp-Polls;
-» Integrazione per Valutazione GD Stelle;
-» Integrazione per NextGEN Galleria;
-» Integrato con WordPress pulsanti multimediali;
-» Supporta l’impaginazione l’output configurabile;
-» Gestisce l’inserimento emoticons nel commento
-» Pulsanti della barra degli strumenti personalizzabili;
-» Controllo ortografico;
-» Colore personalizzabile nell’aspetto

====================================================================

(5) TinyMCE Advanced:

TinyMCE Advanced è un plugin di editor visuale avanzato (in WordPress vi è presente l’editor ridotta di TinyMCE Advanced). Installato il plug-in lo trovi nel pannello di controllo amministratore a sinistra sotto la voce Impostazioni / TinyMCE Advanced. Trovi i pulsanti mancanti del tuo editor in basso che dovrai trascinare in una delle due barre disponibili in alto, quindi salvare le modifiche cliccando il pulsante in basso “Save Changes“. TinyMCE Advanced viene distribuito gratuitamente, supporta molte lingue tra cui l’italiano. La traduzione è attivata solo al momento di una modifica o creazione di un articolo. Infatti, la lingua dei pulsanti del plugin al momento dell’inserimento nel’editor è in inglese. Spesso vengono inseriti nuovi pulsanti nelle nuove release, alcuni dei pulsanti presenti sono:

-» Font family (aggiunge numerose font nei tuoi testi articoli compatibili con la maggior parte dei browser);
-» Dimensione testo;
-» Giustifica testo;
-» Cancella testo;
-» Linea orizzontale;
-» Taglia, copia, incolla;
-» HTML visuale;
-» Cancella codice;
-» Dimensione Layer (ingrandisci o diminuisci immagini);
-» Replica;
-» Inserisci data;
-» Gestione tabelle (possibilità di aggiungere celle e direzionare la tabella in alto, basso, destra, sinistra);
-» Quote;
-» Citazione;
-» Emoticons;
-» Ancore;
-» Spazioatura (simile al Nota Bene)
-» Numeri.

====================================================================

(6) WP-PostViews:

Un semplice plugin che ti mostra nella Widget i tuoi articoli più visitati. Oltre a fare questo, ti da la possibilità di settare anche il numero di pagine, articoli da visualizzare. Una volta installato è attivato, recati in Widget, trascina nella barra laterale Views.
Impostare Views:

– Title: il titolo che si viasualizzerà

– Statistics Type: nel menu a tendina metti “Most Viewed”.

– Include Views From: se vuoi visualizzare tutto, cioè pagine e articoli, nel menu a tendina scegli la voce Post & Pages. Se preferisci solo gli articoli, metti Post Only. Solo le pagine, metti Pages Only.

– No. Of Records To Show: il numero esatto delle pagine o articoli che deve visualizzare. Io ho impostato su 40, che ho scritto anche nel Title.

– Maximum Post Title Length (Characters): lunghezza massima dei titoli da visualizzare.

– Category IDs: all’interno devi mettere i nomi delle categorie da visualizzare, separate da una virgola (Se non utilizzi le statistiche di categoria, può essere ignorato);

Esempio:

Software Utily, Software Grafica, Software Cattura Desktop, Software Masterizzare, Software Audio/Mixer, Software P2P, Software FTP/Browser, Software Converti Video, Software Streaming, Software Multimediali, Software Traduttore, Software Editor Testi, Software Backup, Software Sicurezza,

====================================================================

(7) What Would Seth Godin Do:

Per impostazione predefinita, i nuovi visitatori al tuo blog-Sito verrà visualizzata una piccola casella sopra ogni post che contengono le parole “Se siete nuovi qui, potrebbe essere utile per iscriversi al mio feed RSS. Grazie per la visita!” Dopo 5 visite il messaggio scompare. È possibile personalizzare il messaggio, la sua durata, e la sua posizione. Il messaggio può essere escluso da Pagine, se desiderato.

È inoltre possibile specificare un messaggio per i visitatori riconosciuti.

Questo plugin richiede i cookie. Gli utenti senza supporto per i cookie vedranno sempre il nuovo messaggio al visitatore.

I nuovi visitatori potranno apprezzare alcune informazioni di sfondo sul tuo sito. Questa è la tua occasione per offrire loro un benvenuto speciale.

(Prelevato e tradotto dalla pagina plugin WordPress)

====================================================================

(8) WP Anti Spam:

Anche se utilizzi Akismet per bloccare lo spam nei commenti, ci sono altri mezzi per farlo: con bot automattizzati. Infatti, nonostante tutte le tue precauzioni, con i bots, sempre più elaborati e concepiti per neutralizzare misure di sicurezza, inevitabilmente ti troverai commenti spam. Questi commenti spam sono inseriti dai bots che utilizzano dei codici da inserire nel tuo portale. WP Anti Spam nasce proprio per bloccare sul nascere l’ingresso di questi bots che utilizzano il metodo dei codici. Rimetto le informazioni del programmatore qui sotto.

WP Anti Spam è un anti-spam bot automatizzati che blocca gli intrusi nei commenti con il metodo ip, name, email e url. È possibile impostare il numero minimo di parole e ‘il numero massimo di parole’ per limitare le parole nei commenti. Quando il commentatore non ha Gravatar, puoi scegliere “nessun trattamento” o “marcare come spam” o “bloccarlo“. L’amministratore deve solo aggiungere alcune parole nella lista di divieto, e il sistema evita che gli utenti che infrangono le regole possano commentare. Inoltre, WP Anti Spam può cancellare le proprie impostazioni definitivamente, quindi è un plugin verde che non lascia tracce!

Caratteristiche

-» Aggiungi regole nelle parole per evitare commenti che contengono parole vietate;
-» Seleziona “Disallow Spambots” per evitare spam bot;
-» Seleziona “Links disallow” per proibire commenti che contengono link;
-» Quando è senza Gravatar: il commentatore non ha Gravatar puoi scegliere nessun trattamento, segnalo come spam o bloccalo;
-» Puoi limitare le parole nel commento: Numero minimo di parole o numero massimo di parole;
-» Seleziona “Elimina opzioni” per cancellare le impostazioni e disattivare il plugin;
-» Supporta l’autore e aiutalo a supportare altri utenti in futuro con donazioni e diffondendo il plugin.

====================================================================

( 9 ) Transposh:

Transposh è un filtro traduttore per WordPress che offre un approccio unico nella traduzione del portale. Permette di combinare traduzione automatica con traduzione umana, aiutati dai vostri utenti con un’interfaccia facile da usare nel contesto.

Seguenti Funzionalità:

-» Supporto per qualsiasi lingua, compreso il layout di RTL/LTR
-» Trascinamento unica interfaccia per la scelta di lingue traducibili/visualizzabile
-» Più opzioni per le apparizioni widget e istanze multiple
-» Traduzione di plugin esterni senza bisogno di file .po/mo
-» Modalità di traduzione automatica per tutti i contenuti (compresi i commenti!)
-» Utilizza servizi di traduzione Bing e Google (si può scegliere eventualmente uno o l’altro)
-» Traduzione automatica può essere attivata su richiesta dai lettori o sul lato server
-» I feed RSS sono tradotti
-» Si prende cura di elementi nascosti come link tag, meta contenuti e titoli
-» Lingue tradotte sono ricercabili
-» Integrazione di BuddyPress
-» Prestazioni e velocità della cache APC se disponibile
-» Sicurezza nel plugin
-» Facilità d’uso

(Prelevato e tradotto dalla pagina plugin WordPress)

====================================================================

Recensione

Nell’era di Facebook e Twitter, in un web 2.0 ormai dominato dai Social Network, chiedersi se i blog possano ancora essere uno strumento di cominicazione utile e attuale è legittimo. La domanda è la seguente: ha senso aprire e gestire un blog oggi? Secondo me sì. La parola stessa “blog” (contrazione di Web log) significa “traccia sul web“: il blog è uno strumento per antonomasia che ti permette di tenere traccia della tua vita in Rete. Oltre che essere un modo per pubblicare contenuti on-line in perfetta autonomia, un blog può diventare ” l’aggregatore ” della tua attività sul Web. A differenza di molti Social Network, che seguono la logica del “qui e ora“, un blog conserva la memoria dei contenuti anche a distanza di molto tempo, e permette di pubblicare contenuti testuali o multimediali di più ampio respiro rispetto, ad esempio, a un aggiornamento di stato su Facebook o Twitter.

Il re indiscusso dei CMS

Tra le piattaforme per la creazione e gestione di blog più popolari al mondo c’è indubbiamente WordPress http://it.wordpress.com/ La natura Open Source del progetto e la struttura versatile e modulare del CMS (Content Management System) hanno fatto sì che WordPress conquistasse nel tempo grande popolarità. Ad oggi sono a milioni i blogger in tutto il mondo che lo utilizzano come piattaforma preferita. Per avere un’idea della sua importanza a livello mondiale, ti basta sapere che pochi mesi fa è stato raggiunto un accordo tra Microsoft e Automattic, la società che promuove WordPress, per fare migrare gli oltri 30 milioni di utenti di Windows Live Spaces verso WordPress.org.

Dove installare WordPress

Puoi iniziare ad utilizzare WordPress come piattaforma per il tuo blog sostanzialmente in due modi:

1) Scaricare gratuitamente l’ultima versione del software da WordPress.org e installarlo su un tuo spazio Web (hosting) precedentemente acquistato.

2) Quello di aprire un account gratuitamente su WordPress oppure su siti hosting free come AlterVista (consigliato: Accedi Su AlterVista), che offre strumenti per l’installazione già compresa dal pannello di controllo utente.

Piattaforma WordPress.com o installazione self-hosted?

  Vantaggi Svantaggi
WordPress.com L’utilizzo è gratutio Hai a disposizione uno spazio Web molto limitato.
  Nessuna necessità di eseguire aggiornamenti o upgrade del software, perchè viene tutto effettuato in automatico. Non puoi caricare e utilizzare temi diversi da quelli messi a tua disposizione.
  Tutte le funzionalità di maggiore utilizzo sono già integrate a livello nativo sulla piattaforma. Non puoi installare plug-in aggiuntivi.
  Puoi associare al blog anche un domino personalizzato  
Self-Hosted Puoi personalizzare WordPress secondo le tue necessità, anche intervenendo all’occorenza sul codice sorgente. Devi investire per hosting e dominio.
  Puoi aggiungere funzionalità al software installando plug-in specifici. Devi essere in grado (all’occorenza) di installare software da solo e (in alcuni casi) gli aggiornamenti tramite un applicazione ftp, quindi manualmente.
  Puoi personalizzare la grafica con temi diversi. Per personalizzare il tuo blog, devi sapere come installare e configurare temi e plug-in.
  I limiti di spazio sono solo quelli relativi al tipo di hosting acquistato.  

Novità introdotta dalla release 3.0.1 di WordPress

Grazie alla comunity di sviluppatori che nel corso degli anni ha contribuito a migliorarne le prestazioni, oggi WordPress risulta molto migliorata e perfezionata rispetto al passato sia in merito alle problematiche legate alla sicurezza. La versione 3.0, il cui nome in codice era Thelonious, era la tredicesima major release della piattaforma che portava con sè diverse novità tra cui:

– Il multiblogging, ovvero la possibilità di gestire più blog, divisi in cartelle e directory, tramite un unico hosting e un’unica installazione di WP.

– La gestione dei menu: una delle novità più rilevanti è la possibilità di creare menu. Si tratta di una funzionalità, peraltro già esistente in altri CMS. Puoi creare menu personalizzati tramite un semplice drag & drop, e inserire articoli, pagine, categorie e altro ancora.

– Nuove funzionalità da CMS: nonostante WP sia a livello nativo un motore di blog, la sua struttura, versatile e modulare, la rende adattabile alle più svariate esigenze. WordPress viene utilizzato anche per la creazione per siti più generici, con la possibilità di gestire anche strutture di contenuti relativamente complesse.

Live Spaces

– ” Caro amico ti scrivo così mi distraggo un po’ e siccome sei molto lontano più forte ti scriverò “.

Inizia così la celebre canzone di Lucio Dalla intitolata L’anno che verrà del 1978. Sembra fatta su misura per casa Microsoft. Il testo prosegue:

– ” Da quando sei partito c’è una grossa novità, l’anno vecchio è finito ormai ma qualcosa ancora qui non va “.

Microsoft si distingue, sotto certi aspetti, per la sua arroganza che la contraddistingue da sempre dai propri fallimenti: non c’è due senza tre, il quarto vien da sè. Di cosa parlo? Naturalmente dei più grandi flop in casa Microsoft: MSN Search, Live Search, Vista e Live Spaces. Non male! È cosa ormai nota l’imminente chiusura definitiva di Windows Live Spaces. Dopo i vari tentativi da parte di Live Spaces (naufragati), nel rimanere in corsa con i rivali social network e Blog: Facebook, Netlog, Twitter, Blogger, WordPress, non resta che aspettare quali siano (se mai ce ne fossero) le nuove mosse Microsoft.

La sostanza al confronto

Live è stato un luogo di svago dove potevo scrivere i miei pensieri, conoscere nuove persone e farmi nuovi amici. Non era molto pratico dal punto di vista della sua personalizzazione. Infatti, era molto limitato con pochi moduli e mal organizzati. Per non parlare della sicurezza sempre a rischio: dati personali, contenuti privati di ogni genere potevano essere esposti a rischi da parte di pirati informatici. WordPress è la migliore piattaforma di blog in circolazione sempre aggiornato. Non è un caso se Microsoft ha optato questo servizio gratuito. WordPress è personalizzabile in tutte le sue forme. Semplice nel suo utilizzo può essere ampliato con nuove funzioni: plugin messi a disposizione dalla comunity gratuitamente. L’aspetto grafico ti lascia l’imbarazzo della scelta con migliaia di temi reperibili in Web. Il supporto per l’utente in difficoltà non ha confronti

Conto alla rovescia

A partire da gennaio 2011 se non hai eseguito l’aggiornamento non potrai più aggiungere contenuti al tuo blog di Windows Live Spaces. Il contenuto esistente sarà comunque visibile e saranno disponibili le stesse opzioni per l’aggiornamento, il download o l’eliminazione del tuo blog. Se possiedi un account Live Spaces, entro il Marzo 2011 dovrai trasferire tutti i tuoi contenuti. Nel caso tu fossi interessato nel aprire un nuovo blog in Windows Live Spaces sarai bloccato e reindirizzato direttamente su http://it.wordpress.com/

Software Libero

Cos’è Il Software Libero?

Il “Software Libero” è una questione di libertà, non di prezzo. Per capire il concetto, bisognerebbe pensare alla “libertà di parola” e non alla “birra gratis“. Il termine “free” in inglese significa sia gratuito che libero. L’espressione “Software Libero” si riferisce alla libertà dell’utente di eseguire, copiare, distribuire, studiare, cambiare e migliorare il software. Più precisamente, esso si riferisce a quattro tipi di libertà per gli utenti del software:

-» Libertà di eseguire il programma, per qualsiasi scopo (libertà 0).
-» Libertà di studiare come funziona il programma e adattarlo alle proprie necessità (libertà 1). L’accesso al codice sorgente ne è un prerequisito.
-» Libertà di ridistribuire copie in modo da aiutare il prossimo (libertà 2).
-» Libertà di migliorare il programma e distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio (libertà 3). L’accesso al codice sorgente ne è un prerequisito.

Quando si sente parlare di “software libero” (free software), la prima cosa che viene in mente è “gratis“. Per quanto questo sia vero nella maggior parte dei casi, il termine “free software” utilizzato dalla Free Software Foundation (creatori del progetto GNU e della licenza pubblica generale GNU [GNU General Public Licence, GNU GPL]) è da intendere nel senso di “libero” in quanto “in libertà” (“free as in freedom“= libero come in libertà), piuttosto che nel senso “senza costi” (che in genere si riferisca a “free as a free beer“= gratis come una birra gratuita). Il free software in questo senso è quel software che puoi usare, copiare, modificare, ridistribuire senza limiti. Questo contrasta con la licenza di molti software commericiali, dove ti è permesso installare il software su un solo computer, non ti è permesso di copiarlo, e mai vedrai il codice sorgente (source code). Il free software permette incredibili libertà all’utente finale (end user); inoltre, dato che il codice sorgente è disponibile a tutti, c’è molta più possibilità di trovare e correggere eventuali bug.

Quando un programma è rilasciato sotto la licenza GNU General Public Licence (the GPL):

-» si ha il diritto di utilizzare il programma per qualsiasi scopo;
-» si ha il diritto di modificare il programma e avere accesso ai sorgenti;
-» si ha il diritto di copiare e modificare il programma;
-» si ha il diritto di migliorare il programma, e rilasciare la propria versione.

In cambio di questi diritti, si ha qualche responsabilità rilasciando un programma su GPL, responsabilità studiate per proteggere la tua libertà e quella degli altri:

-» Devi distribuire la licenza GPL insieme al programma, in modo che l’utilizzatore sia a conoscenza dei suoi diritti garantiti dalla licenza.
-» Devi distribuire anche il codice sorgente, o fare in modo che sia liberamente accessibile.
-» Se modifichi il codice e rilasci la tua versione del programma, devi rilasciarla sotto GPL e fare in modo che il codice modificato sia liberamente accessibile (non è possibile utilizzare codice GPL in programmi proprietari).
-» Non puoi restringere la licenza del programma entro i termini della GPL (non puoi trasformare un programma GPL in uno proprietario, in altre parole non puoi limitare i diritti garantiti dalla licenza).

AppData

Che cos’è La Cartella AppData?

La cartella AppData contiene le impostazioni, i file e i dati specifici per le app nel PC. La cartella è nascosta per impostazione predefinita in Esplora file e include tre sottocartelle nascoste: Local, LocalLow e Roaming.

Roaming. Questa cartella ( %appdata% ) contiene dati che possono essere spostati con il tuo profilo utente da un PC a un altro, come in un ambiente con domini, perché questi dati supportano la sincronizzazione con un server. Se accedi a un PC diverso in un dominio, ad esempio, i Preferiti o i segnalibri del Web browser saranno disponibili.

Local. Questa cartella ( %localappdata% ) contiene dati che non possono essere spostati con il tuo profilo utente. Questi dati sono di solito specifici di un PC o troppo grandi per eseguirne la sincronizzazione con un server. I Web browser, ad esempio, archiviano in genere i file temporanei in questa cartella.

LocalLow. Questa cartella ( %appdata%/…/locallow ) contiene dati che non possono essere spostati, ma offre anche un livello di accesso inferiore. Se esegui un Web browser in modalità protetta o provvisoria, ad esempio, l’app sarà in grado di accedere ai dati solo dalla cartella LocalLow.

Sono le app stesse a scegliere se salvare nelle cartelle Local, LocalLow o Roaming. La maggior parte delle app desktop usa la cartella Roaming per impostazione predefinita, mentre la maggior parte delle app di Windows Store usa la cartella Local per impostazione predefinita.

Avviso

Sconsigliamo di spostare, eliminare o modificare file o cartelle all’interno della cartella AppData. Questo tipo di interventi potrebbe compromettere le prestazioni di esecuzione delle app oppure impedirne del tutto l’esecuzione.

(Che cos’è la cartella AppData? Informazioni Prelevate Dal Sito Ufficiale Microsoft)

Applicazioni Setup E Soprattutto Portable.

C:\Users\Nome Utente PC\AppData\Roaming

Dove leggi “Nome Utente PC” inserisci il nome utente che utilizzi sul tuo computer. ALBERCLAUS è nome utente utilizzato nel mio PC.

Se il nome utente sul tuo computer è NiCo, ad esempio, allora il tuo percorso è il seguente: C:\Users\NiCo\AppData\Roaming

Per aprire la cartella “AppData“:

1) Clicca sopra il pulsante Start in basso a sinistra nella barra di Windows.

2) Digita (o copia inserendo il tuo nome utente) in “Cerca programmi e file“: C:\Users\Nome Utente PC\AppData\Roaming oppure copia ed incolla questo: %appdata%

3) Clicca sopra il tasto “Invio” dalla tastiera.

4) Clicca con il puntatore del mouse sopra la cartella Roaming che ti apparirà in alto nell’elenco dei risultati.

5) Aperta la cartella Roaming esegui il Copia “salvando” la cartella del programma Portable che utilizzi (oppure del programma setup).