Migliori download

  Forum: Ultim Argomenti

27/05/2024

NAMP

Official Website

Info
Freeware / Software Libero
Multimediale – Portatili / Pen Drive
Descrizione
Media Player Classic Home Cinema (comunemente abbreviato MPC-HC) è un progetto Software Libero nato per aggiornare l’originale Media Player Classic, un leggero lettore multimediale per Microsoft Windows, aggiungendo molte funzionalità mancanti come il supporto anti-tearing, l’aggiunta di nuovi output video (in particolare l’EVR, il nuovo output introdotto sui sistemi Windows Vista e Windows Seven grazie al nuovo framework audio-video Media Foundation), il supporto DXVA (nella versione precedente solo in versione beta), la risoluzione di problemi e l’aggiornamento delle librerie datate. Il lettore multimediale è disponibile nelle versioni 32bit e 64bit.

Caratteristiche:

MPC-HC è un lettore multimediale scritto in C++ in grado di riprodurre tutti i tipi di files video con supporto a VCD, SVCD e DVD senza richiedere l’installazione di ulteriori programmi o codec esterni. Ha al suo interno codec video per MPEG-2 con il supporto per i sottotitoli e i codec audio per LPCM, MP2, AC3 e DTS. Contiene anche uno splitter MPEG migliorato che supporta la visualizzazione di VCDs e SVCDs e il supporto per i formati mp4 e MPEG-4. Media Player Classic Home Cinema include anche i formati H.264 e VC-1 con il supporto alla tecnologia DXVA che permette, tramite le DirectX, di demandare alla scheda video la gestione dei flussi video. Sono supportati anche i formati DivX, Xvid, Flash, l’architettura QuickTime e quella di RealPlayer. Media Player Classic Home Cinema supporta nativamente i formati OGM e Matroska. Inoltre, se il filmato ha l’audio in un file separato, è possibile aprire il file video ed il file audio contemporaneamente.

Software Libero

Cos’è Il Software Libero?

Il “Software Libero” è una questione di libertà, non di prezzo. Per capire il concetto, bisognerebbe pensare alla “libertà di parola” e non alla “birra gratis“. Il termine “free” in inglese significa sia gratuito che libero. L’espressione “Software Libero” si riferisce alla libertà dell’utente di eseguire, copiare, distribuire, studiare, cambiare e migliorare il software. Più precisamente, esso si riferisce a quattro tipi di libertà per gli utenti del software:

-» Libertà di eseguire il programma, per qualsiasi scopo (libertà 0).
-» Libertà di studiare come funziona il programma e adattarlo alle proprie necessità (libertà 1). L’accesso al codice sorgente ne è un prerequisito.
-» Libertà di ridistribuire copie in modo da aiutare il prossimo (libertà 2).
-» Libertà di migliorare il programma e distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio (libertà 3). L’accesso al codice sorgente ne è un prerequisito.

Quando si sente parlare di “software libero” (free software), la prima cosa che viene in mente è “gratis“. Per quanto questo sia vero nella maggior parte dei casi, il termine “free software” utilizzato dalla Free Software Foundation (creatori del progetto GNU e della licenza pubblica generale GNU [GNU General Public Licence, GNU GPL]) è da intendere nel senso di “libero” in quanto “in libertà” (“free as in freedom“= libero come in libertà), piuttosto che nel senso “senza costi” (che in genere si riferisca a “free as a free beer“= gratis come una birra gratuita). Il free software in questo senso è quel software che puoi usare, copiare, modificare, ridistribuire senza limiti. Questo contrasta con la licenza di molti software commericiali, dove ti è permesso installare il software su un solo computer, non ti è permesso di copiarlo, e mai vedrai il codice sorgente (source code). Il free software permette incredibili libertà all’utente finale (end user); inoltre, dato che il codice sorgente è disponibile a tutti, c’è molta più possibilità di trovare e correggere eventuali bug.

Quando un programma è rilasciato sotto la licenza GNU General Public Licence (the GPL):

-» si ha il diritto di utilizzare il programma per qualsiasi scopo;
-» si ha il diritto di modificare il programma e avere accesso ai sorgenti;
-» si ha il diritto di copiare e modificare il programma;
-» si ha il diritto di migliorare il programma, e rilasciare la propria versione.

In cambio di questi diritti, si ha qualche responsabilità rilasciando un programma su GPL, responsabilità studiate per proteggere la tua libertà e quella degli altri:

-» Devi distribuire la licenza GPL insieme al programma, in modo che l’utilizzatore sia a conoscenza dei suoi diritti garantiti dalla licenza.
-» Devi distribuire anche il codice sorgente, o fare in modo che sia liberamente accessibile.
-» Se modifichi il codice e rilasci la tua versione del programma, devi rilasciarla sotto GPL e fare in modo che il codice modificato sia liberamente accessibile (non è possibile utilizzare codice GPL in programmi proprietari).
-» Non puoi restringere la licenza del programma entro i termini della GPL (non puoi trasformare un programma GPL in uno proprietario, in altre parole non puoi limitare i diritti garantiti dalla licenza).

AppData

Che Cos’è La Cartella AppData?

La cartella AppData contiene le impostazioni, i file e i dati specifici per le app nel PC. La cartella è nascosta per impostazione predefinita in Esplora file e include tre sottocartelle nascoste: Local, LocalLow e Roaming.

Roaming. Questa cartella ( %appdata% ) contiene dati che possono essere spostati con il tuo profilo utente da un PC a un altro, come in un ambiente con domini, perché questi dati supportano la sincronizzazione con un server. Se accedi a un PC diverso in un dominio, ad esempio, i Preferiti o i segnalibri del Web browser saranno disponibili.

Local. Questa cartella ( %localappdata% ) contiene dati che non possono essere spostati con il tuo profilo utente. Questi dati sono di solito specifici di un PC o troppo grandi per eseguirne la sincronizzazione con un server. I Web browser, ad esempio, archiviano in genere i file temporanei in questa cartella.

LocalLow. Questa cartella ( %appdata%/…/locallow ) contiene dati che non possono essere spostati, ma offre anche un livello di accesso inferiore. Se esegui un Web browser in modalità protetta o provvisoria, ad esempio, l’app sarà in grado di accedere ai dati solo dalla cartella LocalLow.

Sono le app stesse a scegliere se salvare nelle cartelle Local, LocalLow o Roaming. La maggior parte delle app desktop usa la cartella Roaming per impostazione predefinita, mentre la maggior parte delle app di Windows Store usa la cartella Local per impostazione predefinita.

Avviso

Sconsigliamo di spostare, eliminare o modificare file o cartelle all’interno della cartella AppData. Questo tipo di interventi potrebbe compromettere le prestazioni di esecuzione delle app oppure impedirne del tutto l’esecuzione.

(Che cos’è la cartella AppData? Informazioni Prelevate Dal Sito Ufficiale Microsoft)

Applicazioni Setup E Soprattutto Portable.

C:\Users\Nome Utente PC\AppData\Roaming

Dove leggi “Nome Utente PC” inserisci il nome utente che utilizzi sul tuo computer. ALBERCLAUS è nome utente utilizzato nel mio PC.

Se il nome utente sul tuo computer è NiCo, ad esempio, allora il tuo percorso è il seguente: C:\Users\NiCo\AppData\Roaming

Per aprire la cartella “AppData“:

1) Clicca sopra il pulsante Start in basso a sinistra nella barra di Windows.

2) Digita (o copia inserendo il tuo nome utente) in “Cerca programmi e file“: C:\Users\Nome Utente PC\AppData\Roaming oppure copia ed incolla questo: %appdata%

3) Clicca sopra il tasto “Invio” dalla tastiera.

4) Clicca con il puntatore del mouse sopra la cartella Roaming che ti apparirà in alto nell’elenco dei risultati.

5) Aperta la cartella Roaming esegui il Copia “salvando” la cartella del programma Portable che utilizzi (oppure del programma setup).

Modifiche Ufficiali: Changes – v2.2.1 – 10/04/2024

Changes from 2.2.0 to 2.2.1:

Updates:

  • Updated LAV Filters to version 0.79.2

Changes/additions/improvements:

  • Added hotkey to toggle playlist shuffle option
  • Added option to always show time in OSD
  • The /fixedsize command line parameter now optionally supports specifying window position

Fixes:

  • A few bug fixes and small improvements

Overview of features

A lot of people seem to be unaware of some of the awesome features that have been added to MPC-HC in the past years. Here is a list of useful options and features that everyone should know about:

  • Play HDR video
    This requires using either MPC Video Renderer (MPCVR) or madVR.
    After installation these HDR capable renderers can be selected here:
    Options > Playback > Output
    With other video renderers, the colors will be wrong!
    I recommend installing K-Lite Codec Pack. That includes MPC-HC and the renderers all in one easy to use package.
    MPCVR is available as a separate download below. MPCVR supports Dolby Vision. MadVR does not.
    You should change hardware decoder to D3D11 in LAV Video Decoder settings when using MPCVR on Windows 10/11, because renderer will use DirectX11.
  • Modern GUI Theme (Dark or Light)
    Options > Player > User Interface
    It is also possible to change the height of the seekbar and size of the toolbar buttons.
  • Video preview on the seekbar
    Options > Player > User Interface
  • Ability to search for subtitles
    Press D for manual search.
    Or enable automatic search in: Options > Subtitles > Misc
  • Adjust playback speed
    Menu > Play > Playback rate
    The buttons in the player that control playback rate take a 2x step by default. This can be customized to smaller values (like 10%):
    Options > Playback > Speed step
    Adjusting playback speed works best with the internal audio renderer. This also has automatic pitch correction.
    Options > Playback > Output > Audio Renderer
  • MPC-HC can remember playback position, so you can resume from that point later
    Options > Player > History
  • You can quickly seek through a video with Ctrl + Mouse Scrollwheel.
  • You can jump to next/previous file in a folder by pressing PageUp/PageDown.
  • You can perform automatic actions at end of file. For example to go to next file or close player.
    Options > Playback > After Playback (permanent setting)
    Menu > Play > After Playback (for current file only)
  • A-B repeat
    You can loop a segment of a video. Press [ and ] to set start and stop markers.
  • You can rotate/flip/mirror/stretch/zoom the video
    Menu > View > Pan&Scan
    This is also easily done with hotkeys (see below).
  • There are lots of keyboard hotkeys and mouse actions to control the player. They can be customized as well.
    Options > Player > Keys
    Tip: there is a search box above the table.
  • You can stream videos directly from Youtube and many other video websites
    Put yt-dlp.exe in the MPC-HC installation folder.
    Then you can open website URLs in the player: Menu > File > Open File/URL
    You can even download those videos: Menu > File > Save a copy
    Tip: to be able to download in best quality with yt-dlp, it is recommended to also put ffmpeg.exe in the MPC-HC folder.
    Several YDL configuration options are found here: Options > Advanced
    This includes an option to specify the location of yt-dlp.exe in case you don’t want to put it in MPC-HC folder.
    Note 1: You also need to install Microsoft Visual C++ 2010 SP1 Redistributable Package (x86)
    Note 2: yt-dlp nightly build (very latest version made daily)
  • Besides all these (new) features, there have also been many bugfixes and internal improvements in the player in the past years that give better performance and stability. It also has updated internal codecs. Support was added for CUE sheets, WebVTT subtitles, etc.

Ti È Stato Utile Questo Contenuto?

Clicca Su Una Stella Per Esprimere Il Tuo Giudizio!

Voto Medio 4.2 / 5. Votanti Totali: 172

Nessun Voto Al Momento. Perchè Non Voti Per Primo!

Spiacente Che Non Sia Stato Utile Per Te!

Miglioriamo questo contenuto!

Mi Aiuti A Capire? Cosa Non Ti È Piaciuto?