Statistiche

  • 3922165Totale Pagine:
  • 1976570Totale Visitatori:
  • 301Visite Questo Mese:
  • 332Pagine Ieri:
  • 215Visite Ieri:
  • 112Pagine Oggi:
  • 86Visite Oggi:
  • 55Utenti Collegati:
  • 02/02/2009Partito Dal:

  Top Scaricati

  Ultimi Commenti

02/10/2023

NAMP

Official Website

Scarica
Aggiornato In Data: 07/08/2023 Dal Peso Di 41,9 | 63,3 Megabytes
Presente Su NAMP: 03/01/2011
...Mixxx Portable 64 bit
Contenuto Scaricato 11659 Volte
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
...Mixxx v2.2.4 Portable 32 bit
Contenuto Scaricato 4588 Volte
Freeware / Software Libero
Archivio
Audio Mixer – Portatili / Pen Drive
Descrizione
Mixxx è un Software Libero (GNU GPL v2) di mixaggio per DJ che ti permette di mixare brani musicali sul tuo PC e che dalla versione 1.10.0 viene tradotto in molte lingue, compreso l’italiano. Funziona senza alcun hardware aggiuntivo, ed è un completo di un tradizionale “giradischi e mixer”. Mixxx offre una vasta gamma di funzioni avanzate: controller MIDI e il controllo globale di supporto in vinile che ti dà la sensazione tattile che serve per il controllo finale dei tuoi mix. Per ottenere la più bassa latenza e alta reattività. L’interfaccia è ben realizzata e intuitiva e l’uso è semplicissimo, quindi si tratta di un programma adatto anche ai meno esperti. Per i DJ esperti, l’applicazione utilizza l’accelerazione hardware video e sfrutta le CPU multi-core.
Software Libero

Cos’è Il Software Libero?

Il “Software Libero” è una questione di libertà, non di prezzo. Per capire il concetto, bisognerebbe pensare alla “libertà di parola” e non alla “birra gratis“. Il termine “free” in inglese significa sia gratuito che libero. L’espressione “Software Libero” si riferisce alla libertà dell’utente di eseguire, copiare, distribuire, studiare, cambiare e migliorare il software. Più precisamente, esso si riferisce a quattro tipi di libertà per gli utenti del software:

-» Libertà di eseguire il programma, per qualsiasi scopo (libertà 0).
-» Libertà di studiare come funziona il programma e adattarlo alle proprie necessità (libertà 1). L’accesso al codice sorgente ne è un prerequisito.
-» Libertà di ridistribuire copie in modo da aiutare il prossimo (libertà 2).
-» Libertà di migliorare il programma e distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio (libertà 3). L’accesso al codice sorgente ne è un prerequisito.

Quando si sente parlare di “software libero” (free software), la prima cosa che viene in mente è “gratis“. Per quanto questo sia vero nella maggior parte dei casi, il termine “free software” utilizzato dalla Free Software Foundation (creatori del progetto GNU e della licenza pubblica generale GNU [GNU General Public Licence, GNU GPL]) è da intendere nel senso di “libero” in quanto “in libertà” (“free as in freedom“= libero come in libertà), piuttosto che nel senso “senza costi” (che in genere si riferisca a “free as a free beer“= gratis come una birra gratuita). Il free software in questo senso è quel software che puoi usare, copiare, modificare, ridistribuire senza limiti. Questo contrasta con la licenza di molti software commericiali, dove ti è permesso installare il software su un solo computer, non ti è permesso di copiarlo, e mai vedrai il codice sorgente (source code). Il free software permette incredibili libertà all’utente finale (end user); inoltre, dato che il codice sorgente è disponibile a tutti, c’è molta più possibilità di trovare e correggere eventuali bug.

Quando un programma è rilasciato sotto la licenza GNU General Public Licence (the GPL):

-» si ha il diritto di utilizzare il programma per qualsiasi scopo;
-» si ha il diritto di modificare il programma e avere accesso ai sorgenti;
-» si ha il diritto di copiare e modificare il programma;
-» si ha il diritto di migliorare il programma, e rilasciare la propria versione.

In cambio di questi diritti, si ha qualche responsabilità rilasciando un programma su GPL, responsabilità studiate per proteggere la tua libertà e quella degli altri:

-» Devi distribuire la licenza GPL insieme al programma, in modo che l’utilizzatore sia a conoscenza dei suoi diritti garantiti dalla licenza.
-» Devi distribuire anche il codice sorgente, o fare in modo che sia liberamente accessibile.
-» Se modifichi il codice e rilasci la tua versione del programma, devi rilasciarla sotto GPL e fare in modo che il codice modificato sia liberamente accessibile (non è possibile utilizzare codice GPL in programmi proprietari).
-» Non puoi restringere la licenza del programma entro i termini della GPL (non puoi trasformare un programma GPL in uno proprietario, in altre parole non puoi limitare i diritti garantiti dalla licenza).

AppData

Che Cos’è La Cartella AppData?

La cartella AppData contiene le impostazioni, i file e i dati specifici per le app nel PC. La cartella è nascosta per impostazione predefinita in Esplora file e include tre sottocartelle nascoste: Local, LocalLow e Roaming.

Roaming. Questa cartella ( %appdata% ) contiene dati che possono essere spostati con il tuo profilo utente da un PC a un altro, come in un ambiente con domini, perché questi dati supportano la sincronizzazione con un server. Se accedi a un PC diverso in un dominio, ad esempio, i Preferiti o i segnalibri del Web browser saranno disponibili.

Local. Questa cartella ( %localappdata% ) contiene dati che non possono essere spostati con il tuo profilo utente. Questi dati sono di solito specifici di un PC o troppo grandi per eseguirne la sincronizzazione con un server. I Web browser, ad esempio, archiviano in genere i file temporanei in questa cartella.

LocalLow. Questa cartella ( %appdata%/…/locallow ) contiene dati che non possono essere spostati, ma offre anche un livello di accesso inferiore. Se esegui un Web browser in modalità protetta o provvisoria, ad esempio, l’app sarà in grado di accedere ai dati solo dalla cartella LocalLow.

Sono le app stesse a scegliere se salvare nelle cartelle Local, LocalLow o Roaming. La maggior parte delle app desktop usa la cartella Roaming per impostazione predefinita, mentre la maggior parte delle app di Windows Store usa la cartella Local per impostazione predefinita.

Avviso

Sconsigliamo di spostare, eliminare o modificare file o cartelle all’interno della cartella AppData. Questo tipo di interventi potrebbe compromettere le prestazioni di esecuzione delle app oppure impedirne del tutto l’esecuzione.

(Che cos’è la cartella AppData? Informazioni Prelevate Dal Sito Ufficiale Microsoft)

Applicazioni Setup E Soprattutto Portable.

C:\Users\Nome Utente PC\AppData\Roaming

Dove leggi “Nome Utente PC” inserisci il nome utente che utilizzi sul tuo computer. ALBERCLAUS è nome utente utilizzato nel mio PC.

Se il nome utente sul tuo computer è NiCo, ad esempio, allora il tuo percorso è il seguente: C:\Users\NiCo\AppData\Roaming

Per aprire la cartella “AppData“:

1) Clicca sopra il pulsante Start in basso a sinistra nella barra di Windows.

2) Digita (o copia inserendo il tuo nome utente) in “Cerca programmi e file“: C:\Users\Nome Utente PC\AppData\Roaming oppure copia ed incolla questo: %appdata%

3) Clicca sopra il tasto “Invio” dalla tastiera.

4) Clicca con il puntatore del mouse sopra la cartella Roaming che ti apparirà in alto nell’elenco dei risultati.

5) Aperta la cartella Roaming esegui il Copia “salvando” la cartella del programma Portable che utilizzi (oppure del programma setup).

Modifiche Ufficiali: Changes – Mixxx 2.3.5 – 10/05/2023

  • Fix empty waveform overview after loading a track (Mixxx 2.3.4 regression) Fixed by #11333 #11359 #11344
  • Fullscreen: Fix a crash that occurs on Linux after enabling fullsceen and using menu shortcuts e.g. Alt-F. #11328 #11320
  • Fullscreen: Rebuild & reconnect menu only on desktops with global menu #11350
  • macOS: Request Microphone and line-in access permission. #11367 #11365
  • JACK API: Allow to explicit select buffers of 2048 and 4096 frames/period. They are not supported by the automatic buffer setting of the used PortAudio library. #11366 #11341
  • Pioneer DDJ-400: Make Beat FX section more intuitive #10912
  • Playlist export: Adopt new extension after changing the playlist type #11332 #11327
  • LateNight: brighter fx parameter buttons #11397
  • Fix drift in analyzis data after exporting metadata to MP3 files with ID3v1.1 tags #11168 #11159
  • Fix broadcasting using Opus encoding #11349 #10666
  • Tango: Remove VU peak indicators from stacked layout. This fixes a visual regression in Mixxx 2.3.4. #11430 #11362
  • Hercules P32: Allow optional using pregain instead of dry/wet knob #3538
  • Improve Color Picker dialog #11439
  • Fix blank Waveform overview after changing Skin with a track loaded #11453
  • Linux: Log a warning when the audio thread is not scheduled with real-time policy #11472 #11465
  • Auto DJ: Fixes stop due to tracks with changed length #11479 #11492 #11448
    • Auto DJ: Fix Auto DJ indicator state when controlling it via shortcut (SHIFT+F12) #11494 #11495
  • Fix building with Clang 15/16 #11490 #11485
  • Fix EQ and waveforms analysis when compiling with GCC 13 #11501 #11483 #11502 #11480 #11488
  • Numark Mixtrack Pro FX: Fix sound output via WDM-KS on Windows #11393
  • Fix crash on startup caused by faulty ASIO driver like FlexASIO 1.4 or Music Maker #11426 #10081
  • Windows: Show a loopback device that allows to mix in system sound #11427 #11451
  • Fix sorting via column header in external library features #11491 #11499
  • Fix wrong waveform background color on recent Linux distributions like Fedora 37 #11164 #11523
  • Serato Metadata: Don’t import empty (black) cue points #11534 #11530 #11467 #11466 #11283
  • Track context menu: Immediately adopt new position when resetting cues #11482
  • Windows: Fix possible crash with faulty mp3 files #11535 #11531 #11528 #11521

Ti È Stato Utile Questo Contenuto?

Clicca Su Una Stella Per Esprimere Il Tuo Giudizio!

Voto Medio 4.3 / 5. Votanti Totali: 107

Nessun Voto Al Momento. Perchè Non Voti Per Primo!

Spiacente Che Non Sia Stato Utile Per Te!

Miglioriamo questo contenuto!

Mi Aiuti A Capire? Cosa Non Ti È Piaciuto?