Statistiche

  • 3831879Totale Pagine:
  • 1928198Totale Visitatori:
  • 788Visite Questo Mese:
  • 347Pagine Ieri:
  • 211Visite Ieri:
  • 368Pagine Oggi:
  • 160Visite Oggi:
  • 10Utenti Collegati:
  • 02/02/2009Partito Dal:

  Top Scaricati

  Forum: Ultimi Messaggi

Non Riesco A Scaricare Dal Portal …
Lista Software Progetto Lingua It …
Winamp Lingua Italiana NAMP
Portable Revo Uninstaller Pro

  Forum: Ultim Argomenti

Non Riesco A Scaricare Dal Portal …
Winamp Lingua Italiana NAMP
Portable Revo Uninstaller Pro
Interactive Calendar PortableNAMP
04/02/2023

NAMP

Official Website

sK1 v2.0.0 RC 5 Portable

Scarica
Aggiornato In Data: 06/11/2022 Dal Peso Di 30,0 | 32,9 Megabytes
Presente Su NAMP: 06/11/2022
...sK1 Portable 32 bit
Contenuto Scaricato 88 Volte
...sK1 Portable 64 bit
Contenuto Scaricato 500 Volte
Freeware / Software Libero
Editor Di Grafica Vettoriale – Portatili / Pen Drive
Descrizione
sK1 è un editor di grafica vettoriale come CorelDRAW o Adobe Illustrator ed è multipiattaforma (Microsoft Windows, Linux e MacOS). È un software Libero, rilasciato sotto i termini della GNU licenza GPL versione 3. La caratteristica principale dell’SK1 è la stampa professionale e precisa così come con l’uso del file PDF pronto per la stampa.

Puoi utilizzare questa applicazione per scopi personali o commerciali in modo gratuito. L’interfaccia utente si basa sul toolkit wxWidgets. Questo toolkit ti permette di trasferire facilmente la tua applicazione su MS Windows e macOS senza riscrivere il codice GUI.

Caratteristiche:

-» Come per gli oggetti PDF, è disponibile un canale alfa per il riempimento solido, il mantenimento del gradiente e il colore del tratto. L’applicazione supporta gli spazi colore RGB, CMYK e in scala di grigi
-» Il rendering del testo multilingue completamente funzionale è alimentato dalla libreria Pango. Questa libreria supporta il layout del testo per le singole combinazioni di script e font back-end
-» Le curve di Bézier sono le unità di rendering di base. Puoi convertirli in curve. Usa la libreria Cairo per un rendering anti-aliasing simile alla definizione PostScript/PDF
-» Fornisce riempimento completo, riempimento sfumato e riempimento a motivo per file immagine. Gli oggetti possono anche essere delineati con un contorno pieno
-» Supporta la grafica vettoriale di base: rettangoli, rettangoli arrotondati, ellissi, torte, settori, accordi, poligoni, curve di Bézier, testo e bitmap
-» Nonostante i profili integrati, puoi utilizzare i tuoi profili colore. C’è anche un’opzione per emulare la stampante sullo schermo
-» Tutti i valori di colore e le immagini raster sono gestite dal colore utilizzando la libreria LittleCMS per questi scopi
-» Gli oggetti possono essere strutturati su pagine, livelli e solo in gruppi e contenitori selezionabili

File Supportati:

-» SK2 – File grafici sK1 2.x
-» SVG – File di grafica vettoriale scalabili
-» PDF – File in formato documento portatile
-» CDR – File grafici di CorelDRAW
-» CMX – File di scambio di presentazioni CorelDRAW
-» CCX – File di scambio compressi di CorelDRAW
-» XAR – File grafici Xara
-» WMF – File di metafile di Windows
-» CGM – File di metafile di computer grafica
-» PLT – File di plotter da taglio HPGL
-» File grafici SK1 – sK1 0.9.x
-» SK – File Sketch/Skencil
-» FIG – File XFig
-» SKP – File di tavolozza sK1
-» GPL – File di tavolozza GIMP
-» File di tavolozza Scribus (XML)
-» SOC – File della tavolozza di LibreOffice
-» CPL – File di tavolozza CorelDRAW
-» File di tavolozza CorelDRAW X5-X8 (XML)
-» ASE – File Adobe Swatch Exchange
-» ACO – File Adobe Color
-» JCW – File della tavolozza dei colori Xara
-» PSD – File di Photoshop
-» XCF – File GIMP
-» Più di 100 formati di file bitmap

Software Libero

Cos’è Il Software Libero?

Il “Software Libero” è una questione di libertà, non di prezzo. Per capire il concetto, bisognerebbe pensare alla “libertà di parola” e non alla “birra gratis“. Il termine “free” in inglese significa sia gratuito che libero. L’espressione “Software Libero” si riferisce alla libertà dell’utente di eseguire, copiare, distribuire, studiare, cambiare e migliorare il software. Più precisamente, esso si riferisce a quattro tipi di libertà per gli utenti del software:

-» Libertà di eseguire il programma, per qualsiasi scopo (libertà 0).
-» Libertà di studiare come funziona il programma e adattarlo alle proprie necessità (libertà 1). L’accesso al codice sorgente ne è un prerequisito.
-» Libertà di ridistribuire copie in modo da aiutare il prossimo (libertà 2).
-» Libertà di migliorare il programma e distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio (libertà 3). L’accesso al codice sorgente ne è un prerequisito.

Quando si sente parlare di “software libero” (free software), la prima cosa che viene in mente è “gratis“. Per quanto questo sia vero nella maggior parte dei casi, il termine “free software” utilizzato dalla Free Software Foundation (creatori del progetto GNU e della licenza pubblica generale GNU [GNU General Public Licence, GNU GPL]) è da intendere nel senso di “libero” in quanto “in libertà” (“free as in freedom“= libero come in libertà), piuttosto che nel senso “senza costi” (che in genere si riferisca a “free as a free beer“= gratis come una birra gratuita). Il free software in questo senso è quel software che puoi usare, copiare, modificare, ridistribuire senza limiti. Questo contrasta con la licenza di molti software commericiali, dove ti è permesso installare il software su un solo computer, non ti è permesso di copiarlo, e mai vedrai il codice sorgente (source code). Il free software permette incredibili libertà all’utente finale (end user); inoltre, dato che il codice sorgente è disponibile a tutti, c’è molta più possibilità di trovare e correggere eventuali bug.

Quando un programma è rilasciato sotto la licenza GNU General Public Licence (the GPL):

-» si ha il diritto di utilizzare il programma per qualsiasi scopo;
-» si ha il diritto di modificare il programma e avere accesso ai sorgenti;
-» si ha il diritto di copiare e modificare il programma;
-» si ha il diritto di migliorare il programma, e rilasciare la propria versione.

In cambio di questi diritti, si ha qualche responsabilità rilasciando un programma su GPL, responsabilità studiate per proteggere la tua libertà e quella degli altri:

-» Devi distribuire la licenza GPL insieme al programma, in modo che l’utilizzatore sia a conoscenza dei suoi diritti garantiti dalla licenza.
-» Devi distribuire anche il codice sorgente, o fare in modo che sia liberamente accessibile.
-» Se modifichi il codice e rilasci la tua versione del programma, devi rilasciarla sotto GPL e fare in modo che il codice modificato sia liberamente accessibile (non è possibile utilizzare codice GPL in programmi proprietari).
-» Non puoi restringere la licenza del programma entro i termini della GPL (non puoi trasformare un programma GPL in uno proprietario, in altre parole non puoi limitare i diritti garantiti dalla licenza).

AppData

Che cos’è La Cartella AppData?

La cartella AppData contiene le impostazioni, i file e i dati specifici per le app nel PC. La cartella è nascosta per impostazione predefinita in Esplora file e include tre sottocartelle nascoste: Local, LocalLow e Roaming.

Roaming. Questa cartella ( %appdata% ) contiene dati che possono essere spostati con il tuo profilo utente da un PC a un altro, come in un ambiente con domini, perché questi dati supportano la sincronizzazione con un server. Se accedi a un PC diverso in un dominio, ad esempio, i Preferiti o i segnalibri del Web browser saranno disponibili.

Local. Questa cartella ( %localappdata% ) contiene dati che non possono essere spostati con il tuo profilo utente. Questi dati sono di solito specifici di un PC o troppo grandi per eseguirne la sincronizzazione con un server. I Web browser, ad esempio, archiviano in genere i file temporanei in questa cartella.

LocalLow. Questa cartella ( %appdata%/…/locallow ) contiene dati che non possono essere spostati, ma offre anche un livello di accesso inferiore. Se esegui un Web browser in modalità protetta o provvisoria, ad esempio, l’app sarà in grado di accedere ai dati solo dalla cartella LocalLow.

Sono le app stesse a scegliere se salvare nelle cartelle Local, LocalLow o Roaming. La maggior parte delle app desktop usa la cartella Roaming per impostazione predefinita, mentre la maggior parte delle app di Windows Store usa la cartella Local per impostazione predefinita.

Avviso

Sconsigliamo di spostare, eliminare o modificare file o cartelle all’interno della cartella AppData. Questo tipo di interventi potrebbe compromettere le prestazioni di esecuzione delle app oppure impedirne del tutto l’esecuzione.

(Che cos’è la cartella AppData? Informazioni Prelevate Dal Sito Ufficiale Microsoft)

Applicazioni Setup E Soprattutto Portable.

C:\Users\Nome Utente PC\AppData\Roaming

Dove leggi “Nome Utente PC” inserisci il nome utente che utilizzi sul tuo computer. ALBERCLAUS è nome utente utilizzato nel mio PC.

Se il nome utente sul tuo computer è NiCo, ad esempio, allora il tuo percorso è il seguente: C:\Users\NiCo\AppData\Roaming

Per aprire la cartella “AppData“:

1) Clicca sopra il pulsante Start in basso a sinistra nella barra di Windows.

2) Digita (o copia inserendo il tuo nome utente) in “Cerca programmi e file“: C:\Users\Nome Utente PC\AppData\Roaming oppure copia ed incolla questo: %appdata%

3) Clicca sopra il tasto “Invio” dalla tastiera.

4) Clicca con il puntatore del mouse sopra la cartella Roaming che ti apparirà in alto nell’elenco dei risultati.

5) Aperta la cartella Roaming esegui il Copia “salvando” la cartella del programma Portable che utilizzi (oppure del programma setup).

Quanto Ti È Piaciuto Questo Contenuto?

Clicca Su Una Stella Per Esprimere Il Tuo Giudizio!

Voto Medio 4 / 5. Votanti Totali: 1

Nessun Voto Al Momento. Perchè Non Voti Per Primo!

Spiacente Che Non Sia Stato Utile Per Te!

Miglioriamo questo contenuto!

Mi Aiuti A Capire? Cosa Non Ti È Piaciuto?