Statistiche

  • 3716442Totale Pagine:
  • 1870824Totale Visitatori:
  • 4931Visite Questo Mese:
  • 341Pagine Ieri:
  • 187Visite Ieri:
  • 9Pagine Oggi:
  • 8Visite Oggi:
  • 6Utenti Collegati:
  • 02/02/2009Partito Dal:

  Top Scaricati

  Forum: Ultimi Messaggi

Portable Revo Uninstaller Pro
Unofficial Portable CCleaner Pro
Interactive Calendar PortableNAMP

  Forum: Ultim Argomenti

Portable Revo Uninstaller Pro
Interactive Calendar PortableNAMP
EssentialPIM Pro portatile
Glary Utilities portatile
28/09/2022

NAMP

Official Website

Hacker e Cracker: Quando Un Giornalista-Docente Non Conosce La Differenza!

19/08/2016 – La disinformazione è un fiume in piena. Lo  stare al passo con gli altri “Media Propagandistici Pro Stati Uniti d’America” per non “Passare” come una testata Giornalistica di basso valore (cosa che aimè è il Fatto Quotidiano con il continuo copia e incolla di articoli provenienti da ANSA): Titoli sempre più con i punti interrogativi “?“; 90% video demenziali spacciati come fossero seri o interessanti, spesso storpiati i titoli per attirare visite. Se una informazione è divulgata da altri Portali “giusta o sbagliata che sia” va inserita a tutti costi.

Questo è il sito web de Il Fatto Quotidiano. Pseudo giornalisti, come nel caso di Umberto Rapetto (Giornalista, scrittore e docente universitario) che non riesce a distinguere l’Hacker dal Cracker: quest’ultimo è un individuo che reca danni informatici ricattando la vittima in cambio di soldi o vende i dati rubati (non è l’unico pseudo esperto di Informatica che scrive sul Portale… Purtroppo!)

Umberto Rapetto spaccia ciò che gli fa comodo per attirare commenti nel suo Blog all’interno de “Il Fatto Quotidiano“. Esempio. Un titolo che mette disperazione è “Internet delle cose, opportunità per tutti o solo per gli hacker?“. Un titolo che non lascia spazio a dubbi, tantè che inizia il suo articolo così: “Paga 300 dollari se vuoi che il tuo termostato torni a funzionare regolarmente”. Un Hacker che si rispetti non chiederà mai soldi a nessuno. L’Hacker è spinto più per curiosità, etica, prendere di petto sfide per capire fino a dove può spingersi, migliorarsi. Il Cracker, al contrario, è colui che reca danni a cose e a persone (Utenti) e per ri-mettere le cose a posto chiede in cambio dei soldi (Ricatto).

Non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire. In questo caso non vuole leggere. Ma se provi, in modo costruttivo, a fargli notare la differenza tra un Hacker e Cracker, credi che ci rifletterà sopra e si informerà sul serio prima di mettersi a scrivere altre castronerie? Assolutamente No! Perchè lui è un “Giornalista, scrittore e docente universitario“. Fargli notare gli errori non serve a nulla, in particolar modo perchè il ramo da cui discende, appunto, è “Docente Universitario“. Questo vuol dire che si sente al di sopra di tutti.

Etichetta assegnata da tutti, quindi perchè devo scrivere correttamente e andare controcorrente? A questo punto è l’unica spiegazione che mi sono dato. Perchè se tutti etichettano Hacker anzichè Cracker, dato che Hacker è la parola più usata e conosciuta, perchè informare correttamente gli utenti? Gli Hackers, quando oscurano siti web o nè impediscono un corretto funzionamento, lo fanno perchè alla base della dimostrazione c’è una identità, un’etica, una protesta, un qualcosa che si vuol far conoscere a tutto il Popolo della Rete Virtuale e non. Un Cracker è solo un delinquente che vuole sfruttare ogni occasione per guadagnare e rubare soldi. Come accade nella vita reale, però, ci sono Hacker buoni e cattivi. L’Hacker cattivo cessa di esserlo immediatamente, quindi diventa “Cracker” a tutti gli effetti!

È ora di piantarla con il censurare commenti scomodi. Prendi le critiche in modo costruttivo. Essere un pochino umili No? Capito Giornalista, Scrittore e Docente Universitario Umberto Rapetto? Troppe segnalazioni con screenshots a dimostrare che censuri commenti che ti mettono in cattiva luce, perchè sei pieno di pregiudizi. Sono Pronto a pubblicare Screenshot (sai cosa sono?) qualora me ne fai richiesta scritta inoltrata via e-mail.

Apri Spoiler

Screenshot Alcuni Articoli