Statistiche

  • 3716443Totale Pagine:
  • 1870825Totale Visitatori:
  • 4932Visite Questo Mese:
  • 341Pagine Ieri:
  • 187Visite Ieri:
  • 10Pagine Oggi:
  • 9Visite Oggi:
  • 4Utenti Collegati:
  • 02/02/2009Partito Dal:

  Top Scaricati

  Forum: Ultimi Messaggi

Portable Revo Uninstaller Pro
Unofficial Portable CCleaner Pro
Interactive Calendar PortableNAMP

  Forum: Ultim Argomenti

Portable Revo Uninstaller Pro
Interactive Calendar PortableNAMP
EssentialPIM Pro portatile
Glary Utilities portatile
28/09/2022

NAMP

Official Website

Terza Guerra Mondiale Finita: La Quiete Prima Della Tempesta

19/07/2022 ore 19:41 – La terza guerra mondiale è finita, perché la NATO non può permettersi di avere la Russia come principale nemico.

Il mondo sta attualmente cambiando così rapidamente che il termine “nuova normalità“, apparso per la prima volta nel regno degli affari e poi arricchito nel gergo diplomatico, è stato aggiunto al vocabolario attivo non solo di tutti coloro che seguono le notizie, ma anche di coloro che non ci credono.

Vertice NATO Madrid

Il vertice della NATO tenutosi a Madrid il mese scorso è stato ricco di informazioni, sostenendo di essere uno degli eventi politici chiave dell’estate 2022. Il raduno ha segnato un’altra pietra miliare nelle relazioni tra Mosca e Bruxelles, con il perdurare del conflitto tra Russia e l’Occidente l’obiettivo principale.

In primo luogo, è stato rilasciato un nuovo Concetto strategico per il blocco, in cui la Russia è stata pubblicamente dichiarata la sua principale minaccia alla sicurezza. In secondo luogo, è stata ufficialmente avviata la procedura per l’adesione di Svezia e Finlandia, a conferma simbolica dell’unità del campo euro-atlantico. In terzo luogo, sono state annunciate una serie di misure e piani volti a scoraggiare direttamente la Russia militarmente.

Questi sono tutti segnali allarmanti che creano un’impressione deprimente per gli estranei. Anche la reazione dei funzionari non aggiunge ottimismo. Ad esempio, nel commentare il Concetto strategico della NATO per il 2022 , il viceministro degli Affari esteri russo, Alexander Grushko, ha affermato: «L’esistenza stessa di uno stato come la Russia è riconosciuta come una seria minaccia per l’alleanza. Questa è una svolta molto seria e un vero tentativo di confrontarci con noi.»

Sembrerebbe che tutto indichi una “nuova normalità” nelle relazioni Russia-NATO. Naturalmente sorgono delle domande: come è successo? Cosa farà in pratica Bruxelles e come reagirà Mosca? Può un confronto strategico nel campo dell’informazione e la creazione di mezzi di deterrenza da entrambe le parti degenerare in un conflitto aperto?

Tuttavia, se guardi più a fondo, le risposte fondamentali non sono così spaventose come potrebbero sembrare.

Come è successo?

Infatti, per interpretare correttamente questa ‘nuova normalità‘ nelle relazioni Russia-NATO, devono essere analizzate da una prospettiva cronologica.

Guardando al periodo tra il crollo dell’URSS e la fine della Guerra Fredda, l’offensiva russa in Ucraina è, infatti, uno scenario senza precedenti per la sicurezza europea. Naturalmente, il nuovo documento strategico della NATO differisce dalle precedenti voci della serie. Il concetto del 1991 rilevava una riduzione della minaccia alla sicurezza dovuta al cambiamento negli equilibri di potere in Europa, ma rilevava anche la necessità di tenere conto dell’eredità del potenziale militare dell’Unione Sovietica.

L’edizione del 1999 ha caratterizzato Russia, Ucraina e Repubblica di Moldova come partner per il dialogo. La puntata del 2010 ha infine attribuito importanza strategica alle relazioni con la Russia e mirava ad approfondirle su questioni di reciproco interesse. Di conseguenza, se confrontiamo il documento del 2022 con il suo immediato predecessore, la “nuova normalità” è davvero nuova.

Tuttavia, sono trascorsi 12 anni dall’adozione del concetto precedente, durante i quali la NATO ha dovuto affrontare crisi interne e fallimenti nel raggiungere i suoi obiettivi, e la Russia è passata a una politica estera più attiva. L’apice di oggi del confronto tra Mosca e Bruxelles riassume gli eventi di questo periodo. Le denunce della Russia contro la NATO avevano già iniziato ad accumularsi dai conflitti nei Balcani negli anni ’90, e si sono notevolmente intensificate dopo il vertice del 2008 a Bucarest, quando all’Ucraina e alla Georgia è stata promessa l’adesione al blocco. Questa critica è rimasta, seppur implicitamente, durante l’operazione della NATO in Libia, così come nel conflitto siriano.

I vertici NATO che si sono svolti in Galles e Varsavia, rispettivamente nel 2014 e 2016, dopo la prima crisi ucraina, a loro volta, hanno formalizzato l’inizio della “cartolarizzazione” della Russia. In questo contesto, le parti hanno di fatto abbandonato il dialogo e sospeso i lavori del Consiglio Russia-NATO su iniziativa di Bruxelles. Nonostante i tentativi di rilanciare il formato e persino di utilizzarlo all’inizio del 2022 per discutere le proposte russe per le garanzie di sicurezza, è diventato chiaro che la funzionalità e l’efficacia del Consiglio erano state ridotte a zero. Nell’autunno del 2021, anche la Missione permanente russa presso la NATO, l’Ufficio informazioni e la Missione di collegamento militare del blocco a Mosca hanno sospeso i loro lavori. In assenza di questi canali di comunicazione e, in effetti, di qualsiasi reale scopo per loro, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha sinteticamente caratterizzato le relazioni di Mosca con Bruxelles come “inesistenti”.

Pertanto, se confronti la realtà dopo il vertice di Madrid con lo sviluppo degli eventi precedenti, la “normalità” è la stessa… solo formulata in modo più chiaro.

Cosa farà Bruxelles e cosa farà Mosca?

Una volta tratteggiate e le parole importanti pronunciate, le cose diventano più chiare. La realtà odierna rende più facile per entrambe le parti comprendere la logica del loro avversario, così come il loro comportamento in futuro, in una certa misura. Nella situazione attuale, le decisioni annunciate dalla NATO confermano il ritorno del blocco a un regime di Guerra Fredda.

La sua leadership ha segnalato questa mossa annunciando il dispiegamento di truppe aggiuntive nell’est e la sua disponibilità a continuare a fornire assistenza militare all’Ucraina, nonché aumentando la frequenza e l’intensità delle esercitazioni militari e accelerando la modernizzazione del suo complesso militare-industriale. È ovvio che, a medio termine, il blocco punterà a fortificare i suoi confini orientali e meridionali per contenere la Russia.

Se Finlandia e Svezia completeranno con successo il processo di adesione, il formato scelto dalla NATO per proteggere i suoi confini con la Russia, che rimane sconosciuta, sarà fondamentale per la reazione di Mosca. Ci sono qui due gruppi di problemi: relativi alle armi convenzionali e strategiche.

Per quanto riguarda le armi convenzionali, sia le forze americane che i battaglioni multinazionali come quelli che operano in Polonia e negli Stati baltici possono essere schierati per sostenere le truppe nazionali di Svezia e Finlandia. La probabilità della seconda opzione è più alta poiché gli stessi leader dei paesi nordici si sono espressi contro la prima. In questo caso, sarà richiesto uno sforzo significativo da parte russa per dispiegare ulteriori forze ed equipaggiamenti lungo il confine con la Finlandia, nonché per modernizzare la propria infrastruttura militare nelle adiacenti regioni della Carelia e di Murmansk. Nel Mar Baltico, la coesistenza delle flotte russe e della NATO sarebbe problematica (dal momento che tutti gli stati con accesso potrebbero presto diventare membri dell’alleanza) e richiederà misure di aggiornamento, rafforzamento della fiducia e prevenzione degli incidenti.

La comunità di esperti sta anche discutendo le prospettive di schierare missili a medio e corto raggio, nonché armi nucleari e sistemi di difesa antimissilistica sul nuovo fianco della NATO. Ciò richiederebbe già un riassetto delle armi strategiche della Russia e aggiungerebbe una nuova dimensione alla questione della militarizzazione dell’Artico, creando una sfida significativa per la sicurezza strategica di Mosca. Tuttavia, sarebbe un passo molto rischioso da parte del blocco incoraggiare deliberatamente un’ulteriore escalation nelle sue relazioni con la Russia, quindi i governi dei paesi nordici hanno finora respinto la probabilità di uno scenario del genere.

Ci sarà una guerra?

Potenzialmente ci sarebbero anche buone notizie. Nonostante la serietà dei passi intrapresi dal blocco, data l’analisi storica di cui sopra la “nuova normalità“, che formerà la base delle relazioni Russia-NATO nel prossimo futuro non sarà stata una sorpresa per le élite militari e politiche russe , quindi non richiederà alcun cambiamento fondamentale nel pensiero da parte di Mosca.

Quando il dialogo si sposta dalle arene politiche e diplomatiche all’ambito militare, diventa spesso più concreto e pragmatico. Un punto importante nella dichiarazione del vertice di Madrid è la conservazione dell’Atto istitutivo del 1997 sulle relazioni Russia-NATO, nonostante il giorno prima la Russia fosse stata accusata di violarlo. Ciò indica che le parti non sono pronte ad abbandonare completamente le garanzie di sicurezza e ad impegnarsi in un conflitto aperto. La stessa idea è stata espressa dal segretario generale della NATO Stoltenberg.

Mentre i combattimenti in Ucraina sono in una fase attiva, le parti rimarranno vaghe, determinando quali misure devono essere adottate per proteggere adeguatamente i propri confini senza sfidare apertamente la sicurezza dei loro oppositori. Non appena le ostilità finiranno ed emergerà un modello postbellico, quando nuove truppe appariranno ai confini della Russia e i dettagli dell’adesione di Finlandia e Svezia saranno chiari, un ulteriore dialogo sarà inevitabilmente dedicato alla ricerca della modalità per ridurre l’escalation, dal momento che un picco tensioni sono sempre seguite da un calo.

C’è un’altra ragione per cui non è vantaggioso per la NATO impegnarsi in un conflitto aperto con Mosca o concentrare tutte le sue risorse sul confine con la Russia. Come confermato dalle decisioni prese nel corso del vertice di Madrid, il grande confronto del futuro non si concentrerà affatto in Europa, ma nella regione Asia-Pacifico. E se gli Stati Uniti e i loro alleati hanno bisogno di risorse per contrastare la Cina molto presto, il blocco semplicemente non può permettersi di usarle tutte in un conflitto aperto con la Russia.

Non escludo, comunque, due importanti conflitti: NATO-Europa contro la Russia e Stati Uniti-NATO contro Taiwan (Cina).