Statistiche

  • 3739201Totale Pagine:
  • 1882980Totale Visitatori:
  • 5939Visite Questo Mese:
  • 494Pagine Ieri:
  • 226Visite Ieri:
  • 261Pagine Oggi:
  • 118Visite Oggi:
  • 13Utenti Collegati:
  • 02/02/2009Partito Dal:

  Top Scaricati

  Forum: Ultimi Messaggi

Portable Revo Uninstaller Pro
Unofficial Portable CCleaner Pro
Interactive Calendar PortableNAMP

  Forum: Ultim Argomenti

Portable Revo Uninstaller Pro
Interactive Calendar PortableNAMP
EssentialPIM Pro portatile
Glary Utilities portatile
30/11/2022

NAMP

Official Website

Mosca E Kiev: A Settembre I Dati Sulle Perdite Soldati Militari

25/09/2022 ore 08:08 – Il 25 Marzo 2022, il ministero della Difesa russo aveva fornito i primi dati sulle vittime delle forze armate russe e di Kiev. A un mese dall’inizio dell’operazione militare speciale russo in Ucraina del 24 Febbraio, la propaganda di ambe le parti sui numeri dei caduti in battaglia, se non altro, entrava nel vivo per tenere il morale alto negli eserciti.

Premesse

La verità è che in guerra è pressochè impossibile stabilire la reale perdita di unità umane durante il conflitto. Tutti i dati rilasciati dalle rispettive parti vanno prese con le dovute cautele e considerazioni. Ad esempio, le perdite non sono mai definitive fino al termine del conflitto (che molto spesso ci vogliono alcuni mesi se non anni per determinarne la stima realistica), e che tra questi dati bisogna considerare anche i feriti (feriti lievi e gravi), i dispersi e coloro che si sono arresi. La somma complessiva non può essere veritiera al 100%.

Dopo queste premesse, non resta che attendere i bollettini rilasciati da ambe le parti e concludere, secondo una razionale logica con tutte le conseguenze del caso, chi tra loro si avvicina realisticamente alla verità tenendo conto anche dei risultati raggiunti sul campo di battaglia.

Come ho scritto il 25 Marzo 2022, il ministero della Difesa russo aveva fornito i primi dati sulle vittime delle forze armate russe e di Kiev:

«La perdita dei russi ammonta a 1.351 militari sono morti e 3.825 sono rimasti feriti. 14.000 soldati ucraini sono stati uccisi e altri 16.000 sono rimasti feriti».

Secondo le affermazioni di Kiev del 25 Marzo, nel conflitto sono stati uccisi circa 16.000 soldati russi.

Il 7 Agosto (cinque mesi dopo), fonti non ufficiali dichiaravano le perdite ucraine di 191.000 tra morti feriti e 20.000 dispersi.

Il 23 Settembre, il presidente ucraino Zelensky, ha dichiarato che le sue forze hanno subito almeno 50 vittime al giorno durante il conflitto militare in corso con la Russia. Ha affermato, tuttavia, che la squadra russa stava perdendo molte volte di più.

Parlando ai media francesi nell’ambito del programma “Face a Zelensky“, il leader ucraino ha affermato che Kiev ha stime delle vittime quotidiane subite dall’esercito ucraino nel conflitto in corso con Mosca, ma ha osservato che questi numeri non erano del tutto accurati:

«Sono circa 50 persone al giorno. Ma questi non sono numeri esatti, perché non sappiamo quanti soldati o civili rimangono nei territori controllati dalla Russia. Ci sono state cinque volte meno vittime militari ucraine rispetto a quelle russe».

Ha inoltre spiegato che la posizione dell’esercito ucraino non era quella di nominare il numero esatto di militari ucraini morti o feriti, osservando che “dobbiamo stare attenti ai numeri, perché stiamo parlando di vite umane“.

I commenti di Zelensky sono arrivati ​​subito dopo l’annuncio del ministro della Difesa russo, Sergey Shoigu, che le forze russe hanno perso 5.937 soldati dall’inizio dell’offensiva militare. Secondo il ministro, le perdite da parte ucraina sono state dieci volte superiori, con una stima di 61.000 soldati morti e oltre 49.000 feriti. Shoigu ha aggiunto che le forze russe e le milizie delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk avrebbero anche eliminato oltre 2.000 “mercenari” che combattevano per Kiev, lasciando poco più di 1.000 stranieri ancora nei ranghi dell’esercito ucraino.

NAMP non pubblica con regolarità le dichiarazioni e i dati rilasciati da Mosca e Kiev.